lunedì 28 febbraio 2011

Sexy & Chaotic Vol. 2 Cover Contest!


Vi riporto passo passo la notizia di questo contest dirertamente dalla pagina di deviantART di Federico Memola (autore tra l'altro di "Rourke" per la Star Comics):


"Come forse qualcuno sa, lo scorso anno ho raccolto nel volume SEXY & CHAOTIC alcune illustrazioni glamour e sexy di Myriam (una delle due protagoniste di Agenzia Incantesimi). Si è trattato di un volume prodotto a mie spese e a tiratura ultralimitata (pubblicato con le Edizioni Arcadia), ma io mi sono divertito a realizzarlo, quindi ho intenzione di realizzarne un secondo per quest'anno. Per l'occasione ho deciso di lanciare un concorso esclusivamente qui su Deviant Art per la copertina del volume. Il concorso è aperto a tutti:

1) CARATTERISTICHE DELL'ILLUSTRAZIONE: L'illustrazione dovrà essere a colori e verrà stampata in formato cm. 16,6 x 23,5 (tenete conto dell'abbondanza). Deve rappresentare Myriam e solo lei, in una situazione o un contesto a vostra discrezione, purché l'immagine sia glamour o sexy. Sono consentiti il nudo, parziale o integrale, ma non la pornografia. Liberi di usare lo stile che preferite (certo, se poi optate per il cubismo o l'astrattismo, non stupitevi se non vincerete!).

2) Ogni illustrazione va inviata via mail al mio indirizzo (fmemola@gmail.com) per la valutazione, ma potete già da subito pubblicarla nella vostra galleria, se lo desiderate. E' la vostra opera, ne siete proprietari e potete farne ciò che volete!

3) SCADENZA: tutte le opere devono pervenire entro il 31 Maggio 2011 (quindi di tempo ne avete parecchio!). Al termine della scadenza sceglierò (ebbene sì, niente votazioni, ma solo il mio insindacabile giudizio!) l'illustrazione da usare per la copertina e annuncerò il vincitore nella mia pagina di DA.

4) PREMI (quello che vi interessa di più, vero? ;-P): al vincitore del concorso corrisponderò un compenso di 100 euro (netti) per l'utilizzo dell'illustrazione più cinque copie del volume.

4a) Fra tutti gli altri partecipanti selezionerò inoltre dodici illustrazioni che -previa autorizzazione dei rispettivi autori- pubblicherò in scala di grigio all'interno del volume. Ogni autore pubblicato riceverà a mie spese una copia del volume, mi sembra il minimo! Oh, dimenticavo: salvo imprevisti, il volume uscirà fra Ottobre e Novembre.

5) RIFERIMENTI UTILI:
Myriam: [link]
Copertina del precedente volume: [link]
Illustrazioni interne dal precedente volume: [link]
Se volete vederla in azione: [link] [link]

Grazie sin d'ora a tutti coloro che parteciperanno al concorso. Spero che, prima di ogni altra cosa, vi divertirete."


Sperando possa esservi utile o quantomeno lo troviate interessante potete trovare un immagine della protagonista proprio in cima a questo post (l'ho inserita nell'eventualità non voleste iscrivervi a deviantART dato che i link proposti dall'autore si possono visionare solamente in quel caso) e se avete qualche dubbio da risolvere vi lascio direttamente il link della pagina di Memola: http://federicomemola.deviantart.com/journal/38481859/. Alla prossima e, mi raccomando, partecipate numerosi! Bye!

Una serie regolare per Deadpool in partenza da giugno!


È ufficiale! Alla fiera di Mantova la Panini Comics ha annunciato che a cominciare da giugno sarà possibile trovare ogni mese in edicola una testata dedicata interamente a Deadpool! Questo cosa significa? Che ogni 30 giorni avremo 80 pagine di favolose storie dedicate ad uno dei personaggi più carismatici della storia della Marvel. Volete un consiglio? Non perdetelo per nulla al mondo!

Deadpool: i re del suicidio

Ed eccoci al commento sul rarissimo (ed esaurito) primo numero della serie 100% Marvel dedicata a Deadpool! Con i commenti chiudiamo qui e vi lascio poi alla news della giornata (vi avverto che riguarda proprio il mercenario chiaccherone) e al bando per un concorso proposto da Federico Memola! A presto. Bye!


Titolo: Deadpool: i re del suicidio
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Mike Benson e Adam Glass
Disegni: Carlo Barbieri
Trama: dopo aver ricevuto un incarico per una missione da un milione di dollari, Deadpool si rende conto di essere stato fregato e viene quindi incastrato per omicidio. Mentre fugge per sopravvivere al Punitore (che lo ritiene senza dubbio colpevole e lo vuole morto) dovrà riuscire a dimostrare la propria innocenza. Ma non sarà solo in questa avventura: dalla sua parte ci sarà Devil! Come riuscirà ad uscire da questo casino Deadpool? E da che parte starà Spider-man in quest'avventura? Un volume carico di umorismo che saprà coinvolgere gli amanti delle classiche storie Marvel, ma anche coloro che non hanno mai letto un fumetto americano in vita loro. Da avere.
Commento: ok, Deadpool lo ritengo il miglior personaggio della Marvel in assoluto. È l'unico personaggio che riesce a regalarmi sia le classiche emozioni da fumetto Marvel (con tantissima azione) che quelle da fumetto comico/demenziale (alla Rat-man insomma). Il tutto solamente grazie all'immenso carisma del personaggio che, tra citazioni di film/musica/fumetti e la consapevolezza di appartenere a quest'ultimi, riesce a far divorare il proprio albo dalla prima all'ultima pagina senza neanche rendersene conto. I disegni sono molto curati ed è notevole la capacità di Barbieri di riuscire a comunicare le espressioni di Deadpool semplicemente tramite determinati movimenti della maschera (in particolare gli occhi). Un fumetto che devo consigliare a chiunque si dica un fan del mondo Marvel, ma non solo; persino se non avete mai letto un fumetto americano suggerisco di cominciare con questo personaggio in modo da appassionarsi subito ad una delle migliori creazioni della Casa delle Idee. Semplicemente da recuperare.
Voto: 10

Onepiece new edition 37 e Naruto il mito 43

Passiamo quindi a questa coppia di famosissimi manga:


Titolo: Onepiece new edition n.37
Genere: manga, avventura
Storia: Eiichiro Oda
Disegni: Eiichiro Oda
Trama: continuano le avventure di Rufy e compagni a Water Seven! In questo numero assisteremo a tutta la potenza della CP9, ai tentativi di Rufy di impedire l'omicidio di Iceburg e all'abbandono della ciurma da parte di Nico Robin. Come se non bastasse ecco che abbiamo un grande flashback che ci rivelerà l'infanzia di Iceburg e di Franky quando ancora erano alle dipendenze del più bravo carpentiere del mondo: Tom.
Commento: altro numero di Onepiece che è riuscito a convincermi appieno. La trama continua a svilupparsi in modo imprevedibile riuscendo, nonostante la storia si protragga già da molto tempo, a coinvolgere chiunque abbia il coraggio di intraprendere una serie tanto lunga; devo dire inoltre che ho trovato il flashback sulla vita di Franky e Iceburg davvero interessante e capace di commuovere. Per quanto riguarda i disegni continuano i capitoli "seri" (non apprezzo molto le facce deformate che disegna Oda) e quindi ammetto che sono rimasto affascinato da più di una tavola. Ci troviamo di fronte ad un ottimo numero, ma che solamente coloro che hanno seguito la serie negli scorsi numeri è capace di apprezzare appieno; per chi volesse cominciare ora a seguire questo manga suggerisco di partire dal primo numero (forse dovrebbe essere ancora recuperabile) o almeno , se proprio non volete andare così indietro, dal volume 34 dove troverete l'inizio di questa saga.
Voto: 9


Titolo: Naruto il mito n.43
Genere: manga, action
Storia: Masashi Kishimoto
Disegni: Masashi Kishimoto
Trama: finalmente il momento è giunto: lo scontro tra Sasuke e Itachi è inziato! Tra mosse segrete e nuovi poteri avremo finalmente un vincitore e uno sconfitto tra i due discendenti del clan Uchiha. Ma chi sarà dei due a prevalere? E chi morirà? Quale segreto nasconde il passato di Itachi? Un numero dalle grandi rivelazioni che ci permetterà di scoprire molto cose sul passato del Villaggio della Foglia. Da non perdere!
Commento: ritengo questo numero di Naruto tra i più belli (se non il più bello) dell'intera serie. La trama subisce un paio di colpi di scena che nessuno avrebbe mai potuto aspettarsi, prendendo il lettore direttamente a schiaffi in faccia e facendogli persino dubitare se rivelazioni tanto sconvolgenti possano essere davvero vere. Nulla da dire sui disegni che, proprio grazie alla grande battaglia tra i due fratelli, ci regalano alcune tavole tra le più memorabili di tutta la serie. Un numero semplicemente da non perdere per gli amanti di Naruto che troveranno in questo albo tutto ciò che hanno atteso da anni a questa parte; per chi non fosse appassionato a questo manga suggerisco di dargli comunque una possibilità e di recuperare il primo numero (tanto tra prima stampa, seconda stampa e gold edition ne esistono ben quattro edizioni) in modo da leggere uno degli shonen che è stato capace di conquistarsi rapidamente il posto tra i manga più famosi e venduti della storia.
Voto: 9 1/2

Spider-man 552 e Thor 141

Salve a tutti! Eccoci, dopo qualche giorno, al consueto appuntamento con i commenti ai fumetti. Questa sera riuscirò a postare un paio di commenti di fumetti americani, altrettanti manga e (per concludere in bellezza) il primo volume di Deadpool ("i re del suicidio") che ho recuperato con molta fatica alla fiera di Mantova (pagandolo 30 sonanti euro). Lasciando i commenti della fiera a quando avrò le fotografie da inserire (domani, massimo mercoledì) vi saluto. A presto con ulteriori notizie (troverete in serata, oltre ai soliti commenti, anche un news e il bando per un concorso). Bye!


Titolo: Spider-man n.552
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Fred Van Lente, Zeb Wells, Bob Gale e Tom Peyer
Disegni: Jefte Palo, Xurxo Penalta, Chris Bachalo, Patrick Olliffe e Todd Nauck
Trama: con questo numero di Spidey riparte "la sfida" (la saga che reinventa e svecchia i vecchi nemici del Tessiragnatele) con il ritorno di Lizard. Troverete nell'albo ben cinque storie, tre delle quali dedicate all'uomo lucertola: la prima vede un nuova versione (o meglio, una versione integrale) delle origini di Lizard e scopriremo che rapporto ha avuto con l'Uomo Cosa prima di diventare il folle nemico di Spider-man; nella seconda avventura assistiamo a come, negli ultimi tempi, il dottor Curt Connors stia degenerando e di come il rettile dentro di lui stia prendendo il sopravvento; nel terzo brevissimo episodio troviamo invece la definitiva arresa al proprio rettile interiore da parte dello scienziato; si conclude nella quarta storia la saga dedicata alle Spider-girls e alle loro avventure per dimostrare a tutti quanto può essere giusto comportarsi come l'Uomo Ragno; termina il volume un racconto di Spidey e la Cosa dei FF che, per trovare una misteriosa arma che modifica il comportamento delle persone, saranno costretti ad allearsi.
Commento: un volume davvero carico di cose che, tra alti e bassi, si fa leggere più che volentieri. La prima avventura l'ho trovata davvero valida e l'idea di unire le due origini di personaggi come l'Uomo Cosa e Lizard la reputo davvero brillante; il secondo episodio, per quanto potesse essere interessante dal punto di vista della trama, è (a mio parere) davvero brutto da vedere; il terzo mini racconto sarebbe stato il migliore del volume se solo non fosse una semplice introduzione, dalla durata di quattro tavole, alla vicenda (tavole davvero ottime grazie al bravissimo disegnatore Chris Bachalo); per quanto riguarda la conclusione della saga delle Spider-girls si può dire che sia stata risolta in modo abbastanza banale ma non noioso e che, grazie ai dialogi di Bob "Ritorno al Futuro" Gale, riesce a mantenere sempre alta l'attenzione del lettore; la storia che conclude l'albo l'ho trovata senza ne capo ne coda e non sono bastati i disegni del grande Todd Nauck a farmi passare l'idea di star leggendo una storia messa lì solo per riempire le pagine restanti dell'albo. In definitiva un volume che riesce ad intrattenere per tutta la sua durata ma che, a causa di qualche calo in alcune storie, non riesce a raggiungere particolari vette artistiche. Un numero consigliato a chi ama le avventure di Spider-man e a chi si sta preparando per il grande scontro tra Lizard e il nostro eroe; chi fosse indeciso se iniziare a leggere o meno questa testata suggerisco di dargli un'opportunità ora dato che proprio da questo numero ha inizio un'avventura che si protrarrà per poco più di un mese e potrete quindi goderne appieno senza dover entrare a saga inoltrata. Da ricordare inoltre che in questo albo troverete anche l'inserto "Front Line" con le informazioni sulle uscite Marvel dei prossimi mesi.
Voto: 7 1/2


Titolo: Thor n.141
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Brian Michael Bendis, Kieron Gillen e Stan Lee
Disegni: Mike McKone, Billy Tan, Batt, Rich Elson, Alex Maleev e Jack Kirby
Trama: quattro storie (delle quali una divisa in due parti) per questo volume di Thor! La prima storia vede i Nuovi Vendicatori alle prese con gli alleati di Osborn e vedremo le vicissitudini che li hanno spinti a combattere questa terribile battaglia a costo della loro vita; nella seconda avventura (quella divisa in due) assistiamo al grande scontro di Volstagg contro un misterioso impostore dalle sembianze di Thor e alla caduta di Asgard; nel terzo episodio troviamo la Donna Ragno intenta a fuggire dalle grinfie dei Thunderbolts che hanno intenzione di condurla di fronte al loro padrone Osborn; conclude questo albo un mini episodio dedicato all'arrivo di Loki all'interno della famiglia di Odino e all'ultima battaglia di suo padre, il gigante Laufey.
Commento: ho trovato quest'albo molto coinvolgente ma soprattutto capace di dare un diverso punto di vista durante gli eventi di "Assedio". La prima storia è decisamente molto bella da vedere e riesce anche a coinvolgere soprattutto grazie agli ottimi dialoghi di Bendis; l'episodio diviso in due parti risulta essere il migliore di tutto il volume e, grazie a disegni molto dinamici e ad una trama che lascia col fiato sospeso, saprà conquistare anche i più scettici; per quanto riguarda l'avventura della Donna Ragno devo dire che trovo i disegni (o meglio, le illustrazioni) davvero superlative ma, nonostante i dialoghi eccellenti, la trama risulta leggermente scarna e prevedibile; il racconto di Lee e Kirby a fondo volume chiude l'albo puntando (e vincendo alla grande) sull'effetto nostalgico che solo le vecchie storie di Thor sono capaci di trasmettere. Un numero consigliato solamente a coloro che stanno seguendo quantomeno questa testata già da tempo; per tutti gli altri suggerisco di attendere il volume 143 dove avrà inizio la nuova "età degli eroi" e dalla quale potrete partire per godere appieno di quel magico mondo che solo la Marvel è capace di regalarci.
Voto: 8 1/2

giovedì 24 febbraio 2011

March Story 1 e Mad Love Chase 2

Concludiamo i commenti di oggi con quest'ultimo post dedicato agli ultimi due manga letti (tutti e due favolosi). A risentirci presto con il resoconto della giornata a Mantova e, perchè no, con il commento dei due giorni di Workshop di "CREATURE DESIGN" che mi aspettano sabato e domenica con "Tommaso Gomez". A presto! Buon fine settimana a tutti! Bye!


Titolo: March Story n.1
Genere: manga, horror/azione
Storia: Kim Hyung Min
Disegni: Yang Kyung-Il
Trama: alle volte un manufatto pregiato rappresenta, per le persone infelici, un surrogato della mancanza d'amore e di fiducia nel futuro. Consapevole di ciò, un nuovo pericolo si nasconde all'interno di alcuni preziosi monili. Questo pericolo altro non è che la presenza di entità demoniache chiamate "Ill" e l'unica persona in grado di fermarle sembra essere un misterioso individuo chiamato "March". Ma chi è March? Per chi lavora? E perchè da la caccia a questi preziosi oggetti? Un manga per adulti che saprà certamente conquistare gli amanti delle dark story!
Commento: ho trovato questo manga davvero stupendo! La trama è, pagina dopo pagina, sempre più interessante e i dialoghi sono davvero ben scritti, riuscendo a coinvolgere qualsiasi lettore nella lettura di questo fumetto. Nonostante qualche leggera perplessità sul protagonista (dal punto di vista grafico s'intende) i disegni sono tanto belli che sarebbe da considerare questo manga un acquisto obbligatorio per tutte le persone che dicono di amare i fumetti giapponesi (anche se l'artista è coreano). Una nuova serie che mi sento di consigliare a tutti coloro che hanno 5.50 euro da spendere in questo periodo e che saprà certamente conquistarvi dalla prima all'ultima pagina; da avere! Come piccola nota aggiuntiva mi permetto di dire che il magnifico disegnatore di quest'opera è lo stesso dell'altrettanto bello "Defense Devil". Un motivo in più per prendere questo manga no?
Voto: 9 1/2


Titolo: Mad Love Chase n.2
Genere: manga, comedy
Storia: Kazusa Takashima
Disegni: Kazusa Takashima
Trama: dopo essere fuggito dal proprio matrimonio e essersi nascosto nel mondo degli umani è giunto anche per il giovane principe del mondo demoniaco il momento di festeggiare le vacanze. È quindi ora di divertirsi alla sagra dell'estate dove tra ubriacature, metamorfosi e baci ne vedremo delle belle. Intanto sui suoi passi ci sono sempre tre strani individui e la sua futura moglie che, mascheratasi da insegnante, ha intenzione di scoprire sotto quale "studente" si nasconde la vera identità del principe. Un fumetto assolutamente esilarante targato "planet manga"!
Commento: anche durante la lettura di questo secondo numero di "Mad Love Chase" non ho potuto fare a meno di ridere ad ogni pagina. Sebbene la storia non sia particolarmente innovativa, sono le scene comiche a fare da padrone in questo manga; vi troverete più volte piegati/e in due dalle risate per tutte le disavventure (piccanti e non) che aspettano il giovane Yamato in questo secondo volume! Tutti i personaggi di questo manga sono molto carismatici e sin da subito vedrete che li prenderete in simpatia (io, ad esempio, adoro il bidello). I disegni sono molto belli e riescono a rendere alla perfezione sia l'atmosfera quasi "shojo" dei (pochi) momenti seri e sia i momenti di pura demenzialità (contornati da adorabili faccine). Un manga che consiglio a tutti coloro che vogliono passare un po' di tempo leggendo una serie relativamente breve (5 volumi) ma che sappia coinvolgere come poche altre già alla prima pagina. Unico lato negativo che mi sento (ancora) di fare è il fatto che il fumetto costi 5.90 euro e abbia una qualità di carta che, a mio parere, non li merita (questo non va ad interferire sull'ottima qualità dell'opera ovviamente).
Voto: 9 1/2

Variant cover a sei ante per Iron man 35!

In ritardo rispetto alla sua versione standard (di un paio di settimane) ecco comparire nelle fumetterie la stupenda (a mio parere) versione variant di "Iron man n.35"! I (notevoli) contenuti dell'albo non hanno subito variazioni rispetto al solito numero, ma è la copertina a sei ante (davvero enorme) disegnata da Marko Djurdjevic a rendere questo albo obbligatorio per gli amanti del settore! Vi lascio ora alla copertina (solo nella sua versione frontale, il resto scopritelo voi) di questo, già di per sé, stupendo numero consigliandone ancora una volta l'acquisto a coloro che amano il fumetto americano. A presto! Bye!


Mar 3 e Uncassandra 2

Salve a tutti! In questa sera che precede il mio viaggio verso la fiera del fumetto di Mantova (alla ricerca del primo numero di Deadpool!!) inserirò i commenti alle mie ultime letture (quattro manga), tra i quali spicca il primo volume di "March Story"! Vi lascio ora alla prima ondata, con un paio di manga targati GP. A presto! Bye!


Titolo: Mar n.3
Genere: manga, action/fantasy
Storia: Nobuyuki Anzai
Disegni: Nobuyuki Anzai
Trama: continuano le avventure di Ginta e dei suoi amici nel magico mondo di Mar Heaven! In questo numero il nostro eroe e il suo amico Jack dovranno sottoporsi ad un durissimo allenamento al fine di essere pronti per la grande battaglia contro l'Armata degli Scacchi. Per aumentare i loro poteri dovranno addestrarsi in una particolare dimensione (creata dal guerriero Ed/Alan) dove tre giorni reali corrispondono a 180 giorni in questo particolare luogo. Riusciranno a sopravvivere alle terribili prove che li aspettano?
Commento: ho trovato questo numero di Mar davvero divertente anche se è impossibile non vedere alcuni collegamenti con altri manga. La trama si sviluppa in modo interessante anche se devo ammettere che l'idea della dimensione tipo "stanza dello spirito e del tempo" mi ha ricordato davvero troppo Dragon Ball (io lo definirei praticamente un plagio); i dialoghi sono talvolta infantili ma funzionano bene e trasmettono nel modo giusto il carisma dei diversi personaggi. I disegni sono, seppure banali, molto curati e ricordano un incrocio tra "Black Cat" e "Rave, dando l'idea del classico shonen che tanto piace a noi ragazzi. Consiglio la lettura di questo manga agli amanti delle storie fantasy e a coloro che cercano un fumetto con una trama che riesca ad intrattenere (pur senza stupire), facendo scorrere velocemente il tempo per tutta la durata della lettura.
Voto: 8


Titolo: Uncassandra n.2
Genere: manga, azione/thriller
Storia: Shigoro Hifumi
Disegni: Gumi Amaji
Trama: terminano in questo volume le avventure di Nanaki e Banjo, i due "distruttori" di profezie. Dopo aver scoperto che Makita altri non è che un "esecutore" di profezie, con lo scopo di permettere al destino di fare il corretto percorso, i nostri due eroi dovranno impegnarsi a fondo per sconfiggere le ultime predizioni (tra le quali anche quella della morte di Banjo). Ma da dove vengono queste profezie? E come è possibile fermarle definitivamente affinchè non possano nuocere al prossimo? Le risposte in questo secondo e ultimo tankobon di "Uncassandra"!
Commento: ho trovato questo numero notevolmente inferiore allo scorso. La trama si evolve troppo velocemente non permettendo al lettore di adattarsi ai cambi di scena e ai nuovi collegamenti; inoltre alcuni personaggi appaiono come semplici macchiette e persino Makita, che pareva essere un nemico potentissimo, scompare improvvisamente dalla storia senza alcun senso logico (non si capisce perchè una volta sconfitto non torni subito in azione dato che ne avrebbe la possibilità). I disegni risultano divertenti e nel complesso fanno il loro lavoro anche se l'assurdità di alcuni frangenti della trama non permettono al disegnatore di esprimersi al meglio, facendo mal "recitare" i suoi personaggi. Consiglio di recuperare questo secondo volume solamente se avete preso il primo e volete sapere come va a finire la storia; se invece vorreste cominciare ora a leggere questo manga suggerisco di cercare qualcosa di meglio altrove, in questo periodo non farete fatica a trovarlo.
Voto: 6 1/2

martedì 22 febbraio 2011

To love Ru 1 e Psyren 5

In questo ultimo post della giornata possiamo trovare i commenti degli ultimi due manga letti da me, tra i quali spicca l'ultima avventura di Yabuki Kentaro (autore di "Black Cat"). Per ora vi saluto quindi e, a meno che non ci siano particolari novità nel mondo dei fumetti ci risentiremo domani con altri post! A presto! Bye!


Titolo: To love Ru n.1
Genere: manga, azione/romantico/comico
Storia: Saki Hasemi
Disegni: Kentaro Yabuki
Trama: proprio mentre Rito Yuki sta per confessare il proprio amore alla ragazza che ama da sempre ecco che gli piomba addosso una bellissima ragazza aliena, alla quale il giovane finisce involontariamente per dichiararsi. Scopriremo quindi che la ragazza altri non è che una principessa venuta da un altro pianeta fuggita da suo padre che faceva di tutto pur di trovarle un fidanzato. Cosa accadrà ora alla strana nuova coppia? Come reagiranno i compagni di Rito ora che lo vedono fidanzato con questa bellissima ragazza? Un manga tra il comico e l'azione, con qualche spruzzata di romanticismo per condire il tutto, che saprà conquistare i fan degli shonen!
Commento: ho trovato quest'opera abbastanza banale ma capace di divertirmi e di farsi leggere tutta d'un fiato. La trama non è assolutamente nulla di nuovo e, ai più attenti, ricorderà certamente "Lamù"; sta di fatto che, nonostante la banalità di fondo, il manga riesce a divertire pagina dopo pagina, portando il lettore a finire il fumetto velocemente e a volerne ancora (cosa, a mio parere, ottima). I disegni del bravissimo Yabuki Kentaro contribuiscono a creare quell'atmosfera da shonen classico che, mescolato agli elementi comici/romantici, ci regala momenti di grande intrattenimento e, soprattutto, divertimento. Un manga consigliato a tutti coloro che cercano una nuova serie allegra e frizzante, che sia capace di interessare e divertire allo stesso tempo e che sappia come farsi leggere con passione dalla prima all'ultima pagina.
Voto: 9


Titolo: Psyren n.5
Genere: manga, azione
Storia: Toshiaki Iwashiro
Disegni: Toshiaki Iwashiro
Trama: dopo aver scoperto che futuro del mondo dipenderà dai ragazzi addestrati ad Elmore Wood, i nostri eroi si trovano alle prese con Dolky (uno dei terribile W.I.S.E.) che ha tutte le intenzioni di catturarli per poi assorbire i loro ricordi. È giunto il momento per Ageha e i suoi amici di dimostrare i frutti del tanto sudato allenamento. Riusciranno a sopravvivere al terribile avversario? E cosa li aspetta nel prossimo futuro? Quanto sarà prossimo? Le risposte in questo quinto avvincente numero di "Psyren"!
Commento: continua a non sbagliare un colpo questo manga e numero dopo numero mi rendo conto che è proprio così che doveva essere "Bleach". La trama diventa sempre più intrigante e i personaggi guadagnano ogni episodio sempre più carisma; se poi ci si aggiunge che, in questo volume, troviamo battaglie tanto intense da ricordare il manga di Tite Kubo ecco che otterrete uno dei fumetti giapponesi più interessanti degli ultimi tempi. I disegni sono come sempre pertinenti alle situazioni e, ancora una volta, mi ha ricordato il manga degli Shinigami citato poco fa (soprattutto per i campi lunghi che poi si riducono sui particolari durante le fasi più concitate della battaglia). Mi sento di consigliare questo manga agli amanti delle storie d'azione e a coloro che, come me, sentono che una buona trama è la cosa migliore per mandare avanti un fumetto; per chi fosse indeciso se cominciare o meno quest'opera suggerisco di recuperare al più presto il primo numero per capire di che pasta è fatto questo manga. Una nota di servizio: è ufficiale che l'opera si comporrà di 16 volumi e che terminerà il mese prossimo in Giappone.
Voto: 9

Deadpool: la guerra di Wade Wilson

Passiamo ora alla nuovissima avventura del mercenario chiacchierone di casa Marvel:


Titolo: Deadpool: la guerra di Wade Wilson
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Duane Swierczynski
Disegni: Jason Pearson
Trama: Deadpool viene condotto come prigioniero davanti ad una commissione del senato Usa con l'accusa di aver adempiuto ad un immenso massacro in Messico. Toccherà al mercenario cercare di difendersi nei confronti di coloro che lo ritengono colpevole di una tale carneficina. Questo è solamente l'inizio dell'ultima avventura di Wade Wilson che lo vedrà ricordare le sue origini, con tanto di squadra segreta governativa (in team con Bullseye, Silver Sable e Domino), e le sue ultime entusiasmanti avventure. Imperdibile!
Commento: ok, non siamo ai livelli de "In viaggio con la testa", ma ci troviamo davanti ad un ottimo fumetto comunque! La trama è assolutamente brillante e i molti momenti di "metafumetto" (quando Deadpool si riferisce a se stesso come un personaggio di un fumetto) contribuiscono a creare un rapporto tra il personaggio e il lettore che in nessun altra opera Marvel è possibile rintracciare. Il personaggio è, sicuramente, il più carismatico di tutta la scuderia della "Case delle Idee" e saprà conquistare chiunque abbia il coraggio di leggere una delle sue strampalate avventure ricche di citazioni pop. Unico lato "negativo" che mi sento di fare su questa avventura di Deadpool è la mancanza delle molteplici voci all'interno della mente del mercenario che rendevano, a mio parere, la storia molto più spassosa. Un numero consigliato a tutti coloro che amano il fumetto americano che troveranno in questa storia tutto ciò che si può desiderare da un fumetto supereroistico; per chi non avesse ancora fatto il grande passo (dovete cominciare a leggere qualche opera americana!) suggerisco di recuperare prima i due numeri de "In viaggio con la testa" e, solo allora, puntare a questo volume, in modo da apprezzare appieno il carisma del più comico tra i personaggi Marvel.
Voto: 9 1/2

Vampire Knight: la trappola del ghiaccio nero

Salve a tutti! Dopo pochi giorni dal mio ultimo commento ecco che continuano i post dedicati agli ultimi fumetti letti (che sono davvero recenti dato che la famigerata pila è finita). In questo primo post troverete il mio parere riguardo il secondo romanzo basato sul manga "Vampire Knight"; posso anticiparvi, inoltre, che i prossimi interventi saranno relativi all'ultimo "100% Marvel" dedicato a Deadpool e ad un paio di manga di questo mese. Per ora vi saluto! A presto! Bye!


Titolo: Vampire Knight: la trappola del ghiaccio nero
genere: romanzo, azione/romantico
Storia: Matsuri Hino e Ayuna Fujisaki
Disegni: Matsuri Hino
Trama: in questo secondo romanzo tratto dal celebre manga "Vampire Knight" troviamo due racconti, il primo dei quali suddiviso in due sezioni con altrettanti punti di vista. Nella prima storia i protagonisti sono prima una giovane ragazza innamorata di Zero (Shindo Nadeshiko) e poi un ragazzo che ha perso la testa per la vampira Ruka (Kasumi Kageyama); assisteremo quindi agli eventi che li porteranno entrambi al grande ballo organizzato dalla scuola per festeggiare il giorno di Saint Chocolatre. Nella seconda storia abbiamo come protagonisti tutti gli studenti della Night Class che si ritrovano impegnati nella ricerca di un pericoloso vampiro che negli ultimi tempi sta seminando il panico all'interno di una troupe fotografica. Due grandi avventure che ci immergono nel magico mondo creato da Matsuri Hino anche grazie alle magnifiche tavole inedite contenute all'interno. Un occasione da non perdere per ogni fan che si rispetti!
Commento: devo dire che, nonostante alcune parti troppo sdolcinate, mi sono parecchio divertito a leggere questo romanzo. La storia non è una di quelle che si possono definire fondamentali per la comprensione della serie, ma è certamente uno di quei racconti che servono per aumentare il feeling con alcuni personaggi e per comprendere al meglio i retroscena che, causa spazio e tempo, non è stato possibile vedere all'interno del manga. I personaggi sono tutti abbastanza carismatici (persino le nuove due "new entry" nel cast) e riescono in ogni caso a coinvolgere il lettore grazie ai loro problemi e pensieri scritti in modo fluido e mai noioso. Le tavole inserite in determinati momenti del romanzo non fanno altro che aumentare il valore generale dell'opera che, di certo, potrà essere apprezzata non solo dai fan del manga ma anche da coloro che si avvicinano ora alla serie. Un romanzo consigliato a chi cerca qualcosa che vada oltre la solita storia di vampiri/amore (siamo anni luce distanti dagli obbrobri quali "Twilight") e che riesca a fondere perfettamente questo medium con quello del fumetto grazie ad una trama interessante contornata da ottime illustrazioni.
Voto: 9

sabato 19 febbraio 2011

Gears of War 7 e Assassin's Creed 1

Con questo secondo post terminano gli interventi di oggi. Sperando possano interessare a qualcuno (quantomeno ai fan di questi due videogiochi) vi saluto e a risentirci presto (spero). Bye!


Titolo: Gears of War n.7
Genere: fumetto americano, action/horror
Storia: Michael Capps e Joshua Ortega
Disegni: Liam Sharp e Federico Dallocchio
Trama: termina in questo numero il terribile scontro tra la squadra Delta e il gruppo di Locuste che, dopo aver recepito il segnale lanciato da una donna in preda alla follia, si sono diretti verso il rifugio dei soldati. Nella seconda parte dell'albo troviamo un mini episodio che vuole far capire cosa si prova quando si ha perso tutto e una serie di tavole di numerosi autori (Ben Oliver, Federico Dallocchio, Brian Ching, Doug Mahnke, Andy Smith, Jin Han, James Hawkins, Chris Perna, Brandon Badeaux, Philip Tan, Trevor Hairsine, Shane Pierce e Joel Gomez) che rappresentano il mondo di "Gears of War" a modo loro!
Commento: dal punto di vista della trama ho trovato questo numero di "Gears of War" davvero banale e poco ispirato, con dialoghi che non dicono nulla e situazioni al limite del ridicolo. Tutt'altro discorso si può fare guardando i disegni che, grazie sia agli autori principali e sia a quelli che hanno prodotto le numerose tavole a fondo albo, portano il valore dell'albo almeno alla sufficienza. Un numero molto valido dal punto di vista grafico che riesce a compensare una sceneggiatura impresentabile e confusionaria; consigliato agli amanti del videogame e a coloro che aprendo l'albo si sono sentiti affascinati dai disegni.
Voto: 6+


Titolo: Assassin's Creed n.1
Genere: fumetto americano, azione
Storia: Cameron Stewart
Disegni: Karl Kerschl
Trama: in questo primo fumetto tratto dal celebre videogame Ubisoft troviamo un ragazzo chiamato Daniel Cross che, tormentato da misteriose visioni di un passato che non gli appartiene, non riesce più a distinguere la realtà dall'immaginazione. Chi è il personaggio che gli appare nelle sue visioni? E cosa ha che fare con lui? Nella seconda parte dell'albo troviamo invece un estratto dalla guida ufficiale di "Assassin's Creed: Brotherhood" e il confronto tra i luoghi reali e le immagini del gioco.
Commento: devo dire che sono rimasto particolarmente deluso da questo fumetto. La storia è, per ora, davvero banale e come se non bastasse presenta uno dei protagonisti meno carismatici e più fastidiosi degli ultimi tempi (un drogato potenzialmente aggressivo e pericoloso). L'unica cosa che si salva sono i discreti (ma fino ad un certo punto) disegni di Kerschl che riescono ad innalzare leggermente il livello di un fumetto davvero pessimo. Come se non bastasse una trama inconsistente ecco che metà albo viene occupato da un noiosissimo estratto dei primi capitoli della guida (se ho acquistato il fumetto è per leggere il fumetto, altrimenti compravo la guida) che abbassano maggiormente la qualità dell'opera. Un fumetto consigliato ai fan sfegatati della serie che, comunque, molto probabilmente rimarranno delusi. Da evitare se possibile.
Voto: 4 1/2

Iron man 5 e Iron man 6

Salve a tutti! Con i due post di oggi posso dire di aver terminato la riserva di fumetti da commentare (mancherebbero alcuni numeri de "le Grandi Saghe" ma finché non arrivano gli arretrati non posso continuare) e posso annunciarvi che la prossima mia lettura sarà il secondo romanzo dedicato al manga "Vampire Knight". Vi lascio quindi ai primi due commenti (di quattro) di fumetti americani. A presto!


Titolo: Iron man n.5
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Daniel Knauf, Charles Knauf, Brian Michael Bendis, Dan Slott e Christos N. Gage
Disegni: Butch Guice, Mark Bagley, Stefano Caselli e Salvador Larroca
Trama: in questo quinto numero dedicato al Vendicatore in armatura possiamo trovare quattro storie: nella prima continua l'indagine di Iron man sulla misteriosa morte della giovane supereroina Gadget che sembra essere stata causata dal suo vecchio (e defunto) avversario chiamato il "Mandarino"; nella seconda avventura troviamo i Potenti Vendicatori alle prese con un'invasione di simbionti che ha contaminato tutti gli abitanti di New York; il terzo episodio vede come ospite d'onore il vero Spider-man che, insieme ai tre Ragni Rossi, dovrà recuperare una valigetta contenente i dati per creare una bomba gamma che è stata rubata dai Vulturiani; in conclusione all'albo troviamo un mini racconto dedicato al personaggio dell'Iniziativa "Violet" che si trova a raccontare le proprie origini ad una psicologa.
Commento: un numero molto interessante per Iron man che, grazie anche a qualche ospite, mantiene sempre alto l'interesse del pubblico. La prima storia è decisamente ben scritta, ma ancor meglio disegnata e riesce a conquistare anche chi, come me, non credeva molto in questa saga; la seconda avventura è anch'essa ben scritta (Bendis non sbaglia) e ben disegnata (Bagley) ma rispetto allo scorso mese l'ho trovata leggermente sottotono, forse a causa di una soluzione ai problemi troppo semplice e poco "sudata" da parte dei nostri eroi; si dimostra la migliore di tutto il volume la terza storia che, grazie ad una trama avvincente, dei dialoghi ottimi e ai magnifici disegni di Stefano Caselli riesce a conquistare pienamente il primo posto; per quanto riguarda l'episodio conclusivo c'è da dire che è si interessante e ben disegnato ma che potevano inserire gli autori del racconto dato che per rintracciarli ho dovuto cercarli online. In definitiva un numero avvincente in tutte le sue storie che saprà conquistare gli amanti di Iron man ma non solo; suggerisco per chi volesse recuperare questo volume di acquistare prima almeno i due precedenti in modo da comprendere appieno gli avvenimenti.
Voto: 8 1/2


Titolo: Iron man n.6
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Daniel Knauf, Charles Knauf, Brian Michael Bendis, Dan Slott e Christos N. Gage
Disegni: Butch Guice, Mark Bagley, Marko Djurdjevic, Stefano Caselli e Salvador Larroca
Trama: altro volume di Iron man e altre quattro storie per il nostro eroe: nella prima troviamo la continuazione della ricerca del Mandarino da parte di Tony Stark e assistiamo al primo incontro con un personaggio misterioso dotato della stessa tecnologia Extremis che ha reso Iron man il Vendicatore che è ora; nella seconda avventura, dopo aver scoperto che i simbionti sono stati lanciati da un satellite della Latveria, i Potenti Vendicatori si dirigono nel Paese di Destino per una guerra senza pari; il terzo episodio vede l'allenamento delle prime reclute di Camp Hammond, luogo dove vengono cresciuti i futuri supereroi che difenderanno il Paese; nell'episodio conclusivo ecco presentato un nuovo personaggio che farà parte dell'Iniziativa: Hardball.
Commento: ho trovato questo volume, se possibile, leggermente superiore allo scorso. La prima storia è riuscita a conquistarmi appieno e, nonostante i primi due numeri, si rivela ora una delle più interessanti dell'intero volume; la seconda avventura è decisamente molto bella anche se, come per lo scorso numero, prevale lo stile grafico rispetto alla narrazione (stile grafico che, però, ci regala una serie di quattro doppie tavole che trasudano azione da ogni punto di vista); il terzo episodio è, ancora una volta, il migliore dell'albo e grazie ai disegni dell'artista italiano e grazie ad una trama che appassiona dalla prima all'ultima pagina vedrete che, leggendola, mi darete ragione; leggermente sottotono è il racconto finale che vede un personaggio relativamente inutile come "Hardball" alle prese con i primi passi nel mondo dei supereroi (episodio, a mio parere, abbastanza inutile). Un numero che mi sento di consigliare solamente a chi ha letto gli scorsi tre albi in modo che possiate godere appieno di queste magnifiche avventure; per il lettore occasionale suggerisco però di aprire il volume a metà e, quantomeno, dare un'occhiata alle favolose doppie tavole di Bagley.
Voto: 8/9

venerdì 18 febbraio 2011

Orchestre Royale des Guignols 1 e Gintama 18

Ultimo post per oggi contenente commenti a fumetti! Sperando di inserire qualche news in giornata vi saluto e a risentirci presto! Bye!


Titolo: Orchestre Royale des Guignols n.1
Genere: manga, shojo/azione
Storia: Kaori Yuki
Disegni: Kaori Yuki
Trama: alcune melodie sono in grado di scuotere l'animo e risvegliare emozioni e ricordi sopiti nella memoria da lungo tempo. Fin qui non sembra nulla di strano, ma che direste se l'animo e i ricordi fossero di coloro che, a causa di un misterioso virus, si sono trasformati in bambole affamate di carne umana?! Un meraviglioso manga a tinte horror/gotiche scritto e disegnato dalla veterana Kaori "Angel Sanctuary" Yuki che saprà coinvolgervi dalla prima all'ultima tavola facendovi assaporare questo fumetto come pochi altri.
Commento: ho trovato questo manga davvero favoloso! La trama è, seppur una rivisitazione del genere "zombie", molto interessante e i dialoghi scritti magistralmente riescono a coinvolgere il lettore come non mai. Per non parlare dei disegni che, se possibile, si sono evoluti maggiormente rispetto ad "Angel Sanctuary" risultando ora più chiari e meno caotici. Un manga che mi sento di consigliare a tutti, che siate appassionati di un determinato genere o meno, dato che in "Orchestre Royale des Guignols" troverete elementi shojo, d'azione, horror e avventura capaci di soddisfare qualsiasi vostra esigenza. Da non lasciarselo sfuggire!
Voto: 9 1/2


Titolo: Gintama n.18
Genere: manga, azione/demenziale
Storia: Hideaki Sorachi
Disegni: Hideaki Sorachi
Trama: dopo più di un anno ecco che ritornano le demenziali avventure dell'agenzia tuttofare Yorozuya! In questo numero troveremo la sfida finale a suon di videogiochi tra l'agenzia tuttofare e la Shinsengumi (che si svolgerà all'interno di un RPG Online); i nostri eroi dovranno vedersela inoltre con l'eremita del lago Toya, con un'eroina Ultra, contro una causa per molestie sessuali (Gintoki sarà l'avvocato) e con una dieta molto particolare. Un numero carico di umorismo e demenzialità che saprà conquistare chiunque avrà il coraggio di leggerlo!
Commento: mi mancava davvero tanto Gintama. Le trame sono una più demenziale dell'altra e molte volte vengono usate come trampolino di lancio per particolari parodie che altro non possono fare che piegare in due dalle risate il lettore (memorabili in questo albo quelle della"Nintendo", di "Bleach" e di "Heidi"). I disegni sono sempre appropriati e riescono a far risaltare quell'umorismo demenziale proprio grazie ad una serietà di fondo che lascia il lettore il più delle volte spiazzato. Questo è, a mio parere, un manga che dovrebbero leggere tutti dato che altri fumetti di questo genere è impossibile trovarne; è difficile quindi consigliarlo a qualcuno, l'unica cosa che posso suggerire è quella di recuperare il primo numero e decidere in base ai vostri gusti. Personalmente lo considero uno dei migliori manga in assoluto.
Voto: 10

Kolisch 4 e Holy Talker 4

Secondo post dedicato ai commenti degli ultimi manga letti:


Titolo: Kolisch n.4
Genere: manga, action
Storia: Yuki Kobayashi
Disegni: Yuki Kobayashi
Trama: ecco la fine della prima "stagione" di Kolisch! In questo numero troviamo la battaglia decisiva tra lo "scienziato del vicoletto" e il suo terribile nemico Rosenthal, spintosi al limite della Scienza Onnipotente. Alla fine di questo terribile scontro ha inizio la seconda parte dell'avventura di Kolisch, con nuovi alleati al proprio fianco e anche con nuovi avversari da sconfiggere. Da non perdere!
Commento: ci troviamo di fronte, come per lo scorso tankobon, ad un numero molto interessante e capace di coinvolgere come pochi altri. La trama giunge al suo apice nella terribile battaglia tra Kolisch e Rosenthal ma, a differenza di altri manga, una volta terminato lo scontro con il "boss" principale riprende lo stile episodico dei primi volumi. I personaggi risultano sempre molto carismatici e capaci di divertire qualsiasi fruitore di questo fumetto (esperto o non che sia), contribuendo insieme ai disegni (a mio parere qualitativamente superiori rispetto agli scorsi numeri) alla creazione di un manga completo e molto interessante. Consigliato a chi cerca una storia appagante e dei personaggi molto carismatici (il protagonista su tutti) tratteggiati con un disegno che mescola bene scene umoristiche e scene d'azione rendendo la lettura estremamente fluida e divertente.
Voto: 9


Titolo: Holy Talker n.4
Genere: manga, action
Storia: Rando Ayamine
Disegni: Rando Ayamine
Trama: dopo il terribile scontro che ha visto i nostri eroi combattere e vincere contro il duca Shade dai Mille Occhi è ora il momento per Amakusa di fare i conti con il suo lato oscuro: il misterioso demone dall'ala nera. Riuscirà a resistere alla terribile influenza che ha su di lui il demone? Per evitare di fare del male ai suoi amici egli preferisce allontanarsi dall'Istituto; ma basterà questo per salvare Renga e gli altri? Le risposte in questo quarto numero di Holy Talker!
Commento: nonostante rimanga un manga molto divertente nemmeno questo volume di Holy Talker riesce ad eguagliare i primi due tankobon della serie. La trama continua il suo incedere verso quella che sarà probabilmente la battaglia principale per i nostri eroi riuscendo a regalare qualche momento interessante ma senza mai stupire veramente. I protagonisti risultano inoltre meno carismatici del solito e, tranne qualche raro caso (la maniaca Noshime), non permettono al lettore di affezionarsi particolarmente a nessuno di essi. Nulla da dire sui disegni che, come negli scorsi volumi, riescono ad aumentare il valore generale del manga. Un fumetto consigliato a coloro che cercano uno shonen molto bello da vedere e con una trama divertente ma senza troppe pretese; per chi fosse indeciso se acquistare o meno questo manga suggerisco di dare piuttosto una possibilità a Kolisch che, continuando a migliorare numero dopo numero, risulta essere ben più interessante di Holy Talker.
Voto: 7 1/2

Psyren 4 e Out Code 2

Salve a tutti! Posso tranquillamente anticiparvi che nella giornata di oggi inserirò sei commenti ad altrettanti manga in modo da terminare la mia riserva di fumetti giapponesi. Proprio così, contro ogni aspettativa ora mi mancano solamente quattro fumetti americani per concludere la famigerata pila di arretrati che mi ero lasciato alle spalle. Non male direi. Vi lascio ora, quindi, con il primo post dedicato ai primi due manga. A presto! Bye!


Titolo: Psyren n.4
Genere: manga, azione
Storia: Toshiaki Iwashiro
Disegni: Toshiaki Iwashiro
Trama: riconosciuti i propri limiti durante la loro scorsa avventura a Psyren, Ageha e i suoi amici si sottopongono ad un intenso allenamento per rafforzare il loro RISE (lo PSI che potenzia le capacità fisiche). Tra un allenamento e l'altro faremo la conoscenza di Kagetora (l'allenatore del gruppo) e della signora Tenjuin che, con il suo gruppo di bambini dotati di poteri PSI, ha intenzione di salvare il mondo dalla sua futura distruzione.
Commento: numero dopo numero questo manga diventa sempre più interessante. La trama si sviluppa in modo rapido riuscendo a trovare sempre qualcosa per sorprendere il lettore senza mai annoiarlo. Se poi troviamo dialoghi divertenti e personaggi (nuovi e non) sempre più carismatici ecco che avremo uno shonen capace di conquistare sia i fan del genere che coloro che si stanno avvicinando ora al mondo dei fumetti giapponesi. Inoltre i disegni di Iwashiro sono sempre leggeri e convincenti, contribuendo alla creazione di questo ottimo manga che soddisferà anche gli amanti del puro stile grafico. Consigliato agli amanti dell'azione e a coloro che cercano un manga con una storia e dei disegni molto validi capaci di creare assuefazione sin dalla prima tavola.
Voto: 9


Titolo: Out Code n.2
Genere: manga, action
Storia: Haruhiko Himenogi
Disegni: Karin Suzuragi
Trama: continuano le avventure paranormali di Kirio e Hinako. In questo numero Kirio dovrà impegnarsi per raggiungere il medico che ha rapito sua sorella e la vuole usare per i suoi esperimenti. Riuscirà a sconfiggere tutti gli ostacoli a cui verrà sottoposto? Chi è il misterioso ragazzo che detiene il potere del magnetismo? E cosa vuole dal nostro eroe? Le risposte in questo volume che segnano la fine della prima e l'inizio della seconda saga di Out Code!
Commento: a mio parere il primo volume di questa serie era leggermente migliore di questo, ma ci troviamo comunque di fronte ad un ottimo manga. La storia si evolve sempre più e, tranne per gli ultimi episodi, troviamo la continuazione della trama principale con la lotta tra Kirio e il dottor Sakurazaka. I personaggi risultano leggermente meno carismatici del precedente volume e la scelta di creare un manga che andasse a "casi da risolvere" (quindi senza una trama principale) sarebbe stata, a mio parere, più valorizzante per loro. I disegni si attestano su discreti livelli anche se non riescono a colpire particolarmente come nel primo volume (mancano scene memorabili). Consiglio questo manga a coloro che sono alla ricerca di una storia interessante e di personaggi carismatici ma che non pretenda troppo da questo fumetto che risulta si divertente ma non ai livelli di altre opere.
Voto: 7 1/2

martedì 15 febbraio 2011

Pretty Guardian Sailor Moon deluxe edition 2 e Jack Frost 3

Continuiamo con l'ultimo post della giornata dedicato agli ultimi due manga letti da me. Sperando di poter inserire qualche mio disegno molto presto per ora vi saluto. Bye!


Titolo: Pretty Guardian Sailor Moon deluxe edition n.2
Genere: manga, shojo
Storia: Naoko Takeuchi
Disegni: Naoko Takeuchi
Trama: continuano le avventure di Sailor Moon e delle sue compagne alla ricerca del "cristallo d'argento illusorio". In questo numero, oltre ad assistere ad un nuovo arrivo tra le fila del gruppo, scopriremo tutta la verità sulla principessa Serenity e su Tuxedo Kamen. Riusciranno le nostre eroine a difendersi dalle terribili forze del male che, capitolo dopo capitolo, diventano sempre più forti e pericolose? Leggete questo numero di "Pretty Guardian Sailor Moon" per scoprirlo!
Commento: ancora una volta è stato molto bello rigettarsi in questa serie degli anni novanta! Tutto, dalla grafica ai dialoghi (allora davvero brillanti ma ora forse un po' banali), fa respirare quell'atmosfera fanciullesca che per chi, come me, è cresciuto con l'anime tratto da questo manga non potrà far altro che apprezzare. I disegni sono inizialmente spaesanti, ma nel giro di poche pagine ci si abitua subito allo stile grafico rendendo la narrazione ancora più fluida. Consiglio questo manga a tutti coloro che vogliono conoscere un simbolo generazionale come Sailor Moon e sono curiosi di scoprirla (o riscoprirla) nella sua versione cartacea. Per chi non lo sapesse aggiungo che è possibile trovare due versioni di questo manga: una base disponibile in una qualsiasi edicola a 4.50 euro e un'altra più pregiata (qualità di carta e sovraccoperta) al prezzo di 5.90 euro solo da fumetteria.
Voto: 8/9


Titolo: Jack Frost n.3
Genere: manga, horror/azione
Storia: Ko Jin-ho
Disegni: Ko Jin-ho
Trama: in questo numero gli scontri tra Jack e Jinhon e tra Omu e l'Unicorno giungono al termine. Proprio grazie a quest'ultimo misterioso personaggio scopriamo il passato di Ju Noa e il motivo per il quale ha raggiunto Amityville. Nel frattempo altri pericolosissimi avversari si dirigono all'Area Nord con lo scopo di estrapolare informazioni dalla presidentessa; a difendere la zona sono rimasti Hansen, Helmina e Jin ma, inaspettatamente, il nemico più pericoloso si rivelerà essere proprio uno di loro. Un nuovo violento tankobon della serie horror/azione targata "Flashbook"!
Commento: trovo questa serie davvero divertente e capace di entusiasmarmi pagina dopo pagina! La trama è in continua evoluzione e, con questo numero, aggiunge un paio di informazioni davvero importanti dal punto di vista narrativo. Dal punto di vista grafico, invece, è possibile notare la gran quantità di toni scuri che rendono l'atmosfera horror particolarmente valorizzata in questo volume. Se a tutto questo aggiungete dei personaggi molto carismatici e dei dialoghi che, seppur non innovativi, riescono a intrattenere appieno il lettore ecco che avrete un ottimo manga! Consigliato non solo agli amanti dell'azione pura ma anche a coloro che cercano una trama interessante e dei personaggi unici nel loro genere che sapranno conquistarvi sin dalla prima pagina.
Voto: 9

Thor 140 Variant!

Per i più fortunati che sono riusciti a recuperarla (io sono tra quelli) è disponibile un'edizione variant del numero 140 di Thor con una copertina brillante disegnata dal bravissimo Gabriele Dell'Otto (fatta appositamente per la fiera di Lucca del 2010). Vi riproduco qui sotto l'immagine dell'opera. Davvero stupenda a mio parere.


Spider-man 551 e Thor 140

Continuiamo con altri due fumetti americani tra i quali spicca una nuova recluta nelle fila di fumetti della mia stanza: Thor!


Titolo: Spider-man n.551
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Chris Yost, Brian Reed, Roger Stern e Bob Gale
Disegni: Michael Ryan, Nick Dragotta, Ron Frenz, Patrick Olliffe e Chad Hardin
Trama: ecco un numero spieciale dedicato a San Valentino per Spider-man! In questo albo troviamo addirittura cinque storie (anche se tutte relativamente brevi): la prima vede il nostro eroe impegnato in una missione assieme alla Gatta Nera con lo scopo di liberarsi di una "maledizione" che sembra renderlo inseparabile da svariati milioni di dollari rubati; nella seconda avventura assistiamo a quando Carlie Cooper e Gwen Stacy collaborarono da giovani per risolvere un caso dei loro padri poliziotti; nel terzo episodio troviamo Mary Jane che, dopo essere tornata a New York, è impegnata nel suo reality show ambientato nel mondo della moda; nella quarta storia prosegue l'avventura delle "Spider-girls", ovvero coloro che sostengono il nostro arrampicamuri e che lo hanno eletto a loro modello di vita; conclude questo albo una mini avventura che vede il ritorno di "American Son", il supereroe una volta interpretato da Harry Osborn!
Commento: tante storie per un numero di Spider-man molto leggero! La prima avventura è decisamente la migliore dell'albo sia dal punto di vista narrativo che da quello prettamente grafico con uno stile moderno che ricorda i primi numeri di "Ultimate Spider-man"; la seconda storia è, sebbene interessante, abbastanza carente dal punto di vista della trama che risulta (a mio parere) forzata e poco naturale; il terzo episodio è decisamente quello meno riuscito, non tanto per la grafica (che si attesta su buoni livelli) quanto per la trama e il personaggio di Mary Jane che risulta davvero antipatico; il continuo della saga delle "Spider-girls" è molto divertente e si difende molto bene soprattutto grazie ai dialoghi sempre brillanti e mai noiosi; la storia finale (quella di American Son) è un ottimo prologo (anche se forse è un po' troppo presto per dirlo) a quella che sarà una saga molto interessante e che comincerà tra un paio di numeri. In definitiva un numero abbastanza tranquillo che riesce però a divertire il lettore con un paio di avventure davvero valide; consigliato non solo ai fan di Spider-man ma anche a coloro che hanno intenzione solamente ora di cominciare a leggere questa validissima testata.
Voto: 8 1/2


Titolo: Thor n.140
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Kieron Gillen, Brian Michael Bendis e Stan Lee
Disegni: Billy Tan, Batt, Rich Elson, Stuart Immonen, Daniel Acuna, Alex Maleev e Jack Kirby
Trama: in questo numero di dedicato al tonante troviamo ben cinque storie! La prima è dedicata alle ore precedenti al grande assedio di Asgard e vede i mitici dei ancora del tutto inconsapevoli a cosa sta per accadere; la seconda vede i Nuovi Vendicatori mentre, ancora sconvolti per il ritorno di Steve Rogers, decidono di intervenire in aiuto di Thor; la terza avventura ha come protagonista la Donna Ragno che, in missione per conto dello S.W.O.R.D., deve sopravvivere alla polizia di Madripoor che la accusa dell'omicidio di numerosi poliziotti; gli ultimi due mini episodi sono dedicati alle avventure passate di Thor e sono scritti direttamente da Stan Lee e disegnati da Jack Kirby!
Commento: non conoscendo molto bene questa testata diciamo che sono rimasto piacevolmente sorpreso della qualità! La prima storia è davvero accattivante ed è molto utile per chi, come me, ha seguito gli eventi dalla testata di Iron man; la seconda avventura è, seppur abbastanza banale, avvincente e capace di integrare nuovi elementi alla saga "Assedio", rendendo il tutto molto più completo; la storia con protagonista la Donna Ragno è particolarmente brillante sia dal punto di vista narrativo (Bendis) che da quello grafico, rendendola a mio parere la migliore di tutto il volume; ottima idea quella di inserire nella testata racconti così nostalgici come gli ultimi due che, grazie alla magia di Lee e Kirby, non potranno non essere apprezzati dai più. Niente male come inizio di una nuova testata (per me); mi sento di consigliarne la lettura a tutti coloro che amano i personaggi mitologici che fanno da comprimari alle storie di Thor e a tutti coloro che cercano un fumetto americano che si integri alla perfezione con la saga principale del momento: Assedio.
Voto: 8 1/2

Assedio speciale

Altra giornata carica di commenti a fumetti! Oggi potrete trovarne tre riguardanti fumetti americani e un paio dedicati ai manga. Sperando di non annoiare nessuno non perdo tempo oltre e vado ad incominciare:


Titolo: Assedio speciale
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Kieron Gillen, Jonathan Hickman, Brian Reed, Sean McKeever e Christos N. Gage
Disegni: Jamie McKelvie, Alessandro Vitti, Marco Santucci, Mahmud A. Asrar e Federico Dallocchio
Trama: in questo speciale, che possiamo collocare tra il terzo e il quarto numero della saga "Assedio", troviamo cinque storie relative ai protagonisti di questo immenso evento Marvel. La prima storia è dedicata a Loki e capiremo finalmente qual'è il grande piano del Dio degli inganni; la seconda ha come protagonista Phobos, il figlio di Ares (morto in "Assedio 2"), che ha intenzione di mettere sotto assedio la White House ritenendo il presidente degli Stati Uniti il vero responsabile per la morte del padre; il terzo episodio vede Spider-man e Ms. Marvel alle prese con il terribile Venom in uno scontro senza tregua; la quarta storia ci mostra cosa stavano facendo i Giovani Vendicatori poco prima che raggiungessero il campo di battaglia ad Asgard; per concludere troviamo i due Capitan America mentre cercano di salvare una famiglia di civili durante il gigantesco assedio alla città degli dei.
Commento: ho trovato questo volume speciale davvero utile per comprendere appieno il ciclo "Assedio"! La prima storia è, probabilmente, la più importante e serve davvero per apprendere i veri piani del Dio dell'inganno; la seconda è interessante perchè rivela il carattere aggressivo di Phobos, personaggio che (a mio parere) ha ancora molto da dire nell'Universo Marvel; la terza avventura è graficamente molto accattivante e vede un bello scontro all'inizio, lasciando però il finale sospeso (che fine fa Venom?); il quarto episodio è, sempre secondo me, quello più inutile anche se non si può certo dire che non sia visivamente accattivante; la storia dedicata ai due Cap è invece molto bella e riesce a far apprezzare un po' di più quello che sarà destinato ad essere il prossimo Capitan America. Un numero molto particolare e che mi sento di consigliare solamente a coloro che hanno seguito la saga "Assedio" che troveranno questo volume molto utile; per chi invece non ha seguito gli ultimi eventi Marvel suggerisco di recuperare i primi numeri della saga principale prima di acquistare questo volume perchè rischiereste di non apprezzare appieno l'opera.
Voto: 8 1/2

lunedì 14 febbraio 2011

Ga-rei 12 e Nabari 3

Ultimo post della serata dedicato agli ultimi due manga letti! C'è da dire che con i ritmi serrati con i quali leggo ultimamente non manca ormai molto alla conclusione della famigerata "pila di fumetti". Per ora vi auguro un buon continuo di settimana e a risentirci presto! Bye!


Titolo: Ga-rei n.12
Genere: manga, action
Storia: Hajime Segawa
Disegni: Hajime Segawa
Trama: il "Progetto Rovina" è stato attivato e, mentre il Naraku si manifesta con varie forme nelle più grandi città del mondo, tutta l'umanità si avvia verso il baratro. Il nostro futuro dipende dal terribile scontro tra la "sacerdotessa bianca" (Kagura) e la "sacerdotessa nera" (Yomi); se vincerà la prima potremo sopravvivere, mentre se a prevalere sarà la seconda il nostro destino verrà inesorabilmente segnato. Un emozionante numero conclusivo che, tra colpi di scena e molta azione, mette la parola "fine" a questo shonen sovrannaturale che ci ha accompagnato per più di un anno.
Commento: nonostante non sia ai livelli dello scorso numero ci troviamo di fronte ad una valida conclusione di un'altrettanto valida serie. La trama si sviluppa in modo non prevedibile riuscendo a colpire il lettore che, probabilmente, si aspetta un finale del tutto diverso. Una piccola constatazione che mi sento di fare per quanto riguarda la sceneggiatura è il fatto che il protagonista del manga viene quasi messo da parte alla fine per fare spazio alla figura di "Kagura", lasciando il lettore leggermente confuso e, nel mio caso, anche un po' deluso. I disegni, per quanto non siano i più belli che abbia mai visto, si difendono bene e riescono a trainare il lettore sino alla conclusione della vicenda. Un numero consigliato solamente a chi segue la serie dato che si tratta dell'ultimo numero; per chi cerca uno shonen dallo stile particolare suggerisco di dare un'occhiata ai primi numeri e nel qual caso foste interessati recuperare i seguenti, dando così una possibilità a questo imprevedibile manga.
Voto: 7/8


Titolo: Nabari n.3
Genere: manga, action
Storia: Yuhki Kamatani
Disegni: Yuhki Kamatani
Trama: in questo numero faremo la conoscenza di Yae Oda, capo del villaggio degli Shinobi di Togakushi capace di leggere nel pensiero, e del suo assistente Kato. Proprio questi due individui daranno un'importantissima missione a Miharu e al suo gruppo: eliminare il fisico Frosty affinchè si possano prevenire altre guerre nucleari. In cambio verrà offerto al gruppo la rara pergamena contenente la formula per la tecnica proibita di Togakushi. Se la sentiranno i nostri eroi di accettare questo pericoloso incarico? E quale rapporto ha ora Miharu con il misterioso ragazzo chiamato Yoite? Le risposte in questo terzo numero di Nabari!
Commento: ho trovato questo numero leggermente superiore agli scorsi e capace di coinvolgere maggiormente. La trama è davvero poco prevedibile e riesce, anche grazie a personaggi molto particolari e a dialoghi molto chiari, a far colpo sin da subito sia sul lettore esperto che su quello occasionale. Gli ottimi disegni (mai sporchi e sempre chiari) contribuiscono a creare quest'ottimo manga che sarà certamente capace di conquistare gli amanti delle storie d'azione molto particolari. Consigliato a chi vorrebbe vedere il mondo di "Naruto" trasportato ai giorni nostri e a tutti coloro che sono alla ricerca di un manga con una trama complessa e con personaggi unici.
Voto: 8

Inuyasha new edition 15 e Psyren 3

Passiamo ora alla prima ondata di manga:


Titolo: Inuyasha new edition n.15
Genere: manga, azione/romantico
Storia: Rumiko Takahashi
Disegni: Rumiko Takahashi
Trama: dopo essersi riappacificati, Inuyasha e Kagome continuano il loro viaggio alla ricerca dei frammenti della sfera degli Shikon. In questo numero faremo la conoscenza di due personaggi malvagi al servizio di Naraku che daranno del filo da torcere ai nostri eroi: Kagura (che sembra essere capace di manovrare i cadaveri come fossero delle marionette) e Kanna (che, invece, è capace di controllare i vivi). Riusciranno Inuyasha e i suoi amici a respingere questa malvagia entità? E cosa c'entra Koga (il capo della tribù degli Yora) con il malefico piano di Naraku? Le risposte in questo numero di Inuyasha!
Commento: il solo e più grande difetto di questo manga? Non è capace di innalzarsi dalla mediocrità. La trama è si interessante, ma non riesce a raggiungere particolari vette a causa di dialoghi sempre abbastanza banali e a personaggi poco carismatici e prevedibili. La stessa cosa vale per i disegni che, seppur essendo di un buon livello, si attestano sulla mediocrità senza incidere mai qualcosa nei cuori dei lettori. Mi sento di consigliare l'acquisto di questo fumetto solamente agli amanti della serie e dello stile di disegno della Takahashi; per tutti coloro che cercano un fumetto d'azione con elementi romantici suggerirei di cercare altrove dato che al giorno d'oggi non è affatto difficile trovare un manga discreto che contenga questi elementi.
Voto: 6 1/2


Titolo: Psyren n.3
Genere: manga, azione
Storia: Toshiaki Iwashiro
Disegni: Toshiaki Iwashiro
Trama: un worm gigantesco e un misterioso individuo dotato di un fucile caricato a potere PSI attaccano Ageha e i suoi compagni. Proprio mentre essi escogitano qualcosa per fuggire dai terribili avversari ecco che Oboro e Kabuto mostrano i primi segni del contagio che, prima di sbloccare i poteri mentali dell'individuo, causano una forte febbre e la totale incapacità di muoversi. Riusciranno i nostri eroi a cavarsela anche in questa situazione? E perchè il misterioso individuo ricorda a Asaga il suo migliore amico di un tempo? Tutte le risposte in questo terzo numero di Psyren!
Commento: da quando è iniziata, questa serie non ha mai sbagliato un colpo. La trama continua ad evolversi e riesce (cosa molto rara in uno shonen) a far aumentare costantemente l'interesse del lettore per la vicenda senza mai subire cali di qualità o brusche virate narrative. Gli ottimi disegni (un incrocio tra "Bleach" e "Black Cat") fanno il resto, rendendo questo manga uno dei migliori shonen pubblicati negli ultimi tempi a tutti gli effetti. Consigliato agli amanti delle storie cariche d'azione con una trama che non si svolga semplicemente tramite immense battaglie, ma che riesca a coinvolgere ed interessare mediante dialoghi intelligenti ed una narrazione serrata. Da non perdere!
Voto: 8/9

Capitan America 9 e Iron man 35

Superiamo la soglia dei duecento interventi con questo primo (di tre) post dedicati ai commenti di fumetti (due americani e quattro manga). La giornata di oggi è stata parecchio fruttuosa soprattutto a causa dell'influenza che ha colpito il mio coinquilino di treno e che mi ha permesso, quindi, di leggere per tutte le tre ore di treno che mi sono sorbito. Augurandogli una pronta guarigione vado subito ad incominciare:


Titolo: Capitan America n.9
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Ed Brubaker e Karl Kesel
Disegni: Butch Guice, Mike Deodato, Dale Eaglesham e Karl Kesel
Trama: primo numero nella nuova "età degli eroi" per Cap! In questo volume troviamo ben quattro storie: la prima riguarda il nuovo Capitan America (ex Bucky) e vede il suo vecchio nemico Barone Zemo progettare un piano per liberarsi del nostro eroe, un piano che sembra contemplare l'aiuto di Sin (la figlia del Teschio Rosso); la seconda avventura vede comparire per la prima volta il nuovo team dei "Segreti Vendicatori" (Valkiria, Vedova Nera, Steve Rogers, la Bestia, Sharon Carter, Moon Knight, Ant-man, War Machine e Nova) alle prese con la misteriosa "corona del serpente" e con un letale gruppo disposto a tutto pur di ottenerla; il terzo episodio vede per la prima volta il vecchio Cap (Steve Rogers) alle prese con la sua nuova vita da supereroe e con uno scienziato che sembra aver ricreato la formula del supersoldato; concludono il volume una serie di mini avventure che ricordano le strip di Capitan America degli anni quaranta.
Commento: ora si che ragioniamo! Con questo numero Capitan America si dimostra essere quel fumetto interessantissimo che avrebbe dovuto essere dal primo volume. La prima avventura è decisamente ben scritta e riesce a coinvolgere il lettore facendogli desiderare di conoscere quanto prima il finale; la seconda storia presenta il nuovo team dei Vendicatori e devo dire che ha un paio di scelte davvero ragguardevoli (Moon Knight su tutti) che potranno portare questa serie molto in alto; anche il terzo episodio è molto avvincente e riesce ad appassionare sin da subito presentando uno Steve Rogers in perfetta forma e pronto per il futuro; le strip dedicate agli anni quaranta di Cap sono forse l'elemento meno riuscito all'interno di questa testata anche se, grazie alla loro breve durata, non influiscono minimamente sulla valutazione finale. Un plauso particolare va fatto a Ed Brubaker che si è occupato praticamente di tutte le saghe contenute in questo volume, riuscendo dove con la saga "rinato" aveva pienamente fallito. Un numero consigliato ai fan del Vendicatore a stelle e strisce e a tutti coloro che cercano una nuova testata del mondo Marvel che riesca a rivaleggiare con quelle più importanti. Finalmente il vero fumetto di Capitan America è tra noi!
Voto: 9+


Titolo: Iron man n.35
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Matt Fraction, Brian Michael Bendis e Howard Chaykin
Disegni: Salvador Larroca, John Romita Jr. e Howard Chaykin
Trama: anche Iron man entra nell' "età degli eroi"! In questo numero troveremo tre storie dedicate al Vendicatore in armatura: la prima è il seguito ufficiale alla saga "Stark: diviso" e assistiamo agli sviluppi che porteranno Tony Stark nella nuova era post "Dark Reign", con tanto di nuova armatura e nuovi rivali; la seconda avventura è dedicata alla presentazione dei nuovi Vendicatori che vedremo in questa testata (tra i quali vedremo certamente Cap, Iron man e Thor) e all'introduzione dei loro prossimi nemici: i loro futuri figli; l'episodio finale vede Iron man alle prese con numerosi avversari mentre tenta di svolgere non solo la parte pratica del suo lavoro ma anche quella quella logica.
Commento: ottimo numero anche per Iron man questo mese! Ho trovato la prima storia di questo volume davvero brillante e capace di regalare grandi emozioni (merito del magnifico duo Fraction/Larroca); la seconda avventura è certamente molto bella graficamente, ma al momento manca ancora di una trama che si possa definire davvero appagante (anche se ne ha tutte le possibilità e qualche spunto lo da già ora); per quanto riguarda l'ultimo episodio l'ho trovato davvero bruttino da vedere e poco appassionante dal punto di vista narrativo, rovinando (a mio parere) la qualità complessiva dell'albo. Un numero consigliato sia ai vecchi e accaniti fan di Iron man, ma anche a chi vuole cominciare per la prima volta a leggere un fumetto americano. Davvero un ottimo inizio per la nuova era Marvel!
Voto: 8 1/2

domenica 13 febbraio 2011

"Amidamaru" di Shaman King

Ok, ok...sto leggendo Shaman King e mi piace parecchio. Questo disegno dimostra che, quantomeno, ho imparato come si chiama lo spettro samurai del protagonista (cosa non da poco). Dopo questo post per oggi vi saluto e a risentirci domani con un post dedicato ad un paio di fumetti americani (almeno lo spero) e ad eventuali nuove news! Buon inizio settimana e a presto! Bye!


"L" di Death Note

Ecco il primo dei due disegni che caricherò in serata. Sperando che possa piacere sono sempre apertissimo alle critiche (anzi...le pretendo) e mi auguro sempre che qualche professore riesca a passare di qui. A presto!


Cassidy 9 e Cassidy 10

Concludiamo i commenti per questa sera (se non ci saranno particolari sorprese) con gli ultimi due numeri di Cassidy:


Titolo: Cassidy n.9
Genere: fumetto italiano, poliziesco/azione
Storia: Pasquale Ruju
Disegni: Davide Furnò e Paolo Armitano
Trama: dopo le disavventure a San Francisco, Raymond Cassidy e i suoi amici (Ace e Juan) si meritano una pausa nell'attesa che si calmino le acque. Proprio durante questa pausa Ray decide di scoprire qualcosa di più sul misterioso Bluesman che gli ha dato 18 mesi di vita. Una volta scoperto che la fantomatica creatura esiste e non è solamente frutto della sua immaginazione il nostro eroe decide che, prima di ripartire, bisogna aiutare un suo vecchio amico (e sergente in Vietnam) ad evadere di prigione. Riusciranno a cavarsela senza attirare troppa attenzione su di se?
Commento: ancora una volta Cassidy riesce a colpire nel segno regalandoci un'avventura carica di azione a adrenalina. La trama di questo numero è, seppure di passaggio, molto interessante e fa da prologo alla prossima "saga" dell'antieroe bonelliano. I dialoghi sono sempre brillanti e riescono a rendere alla perfezione l'atmosfera da gangstar movie degli anni settanta che il bravissimo Pasquale Ruju sembra conoscere molto bene. I disegni dell'ottimo duo (Furnò e Armitano) fanno il resto, completando un'opera a tinte oscure che piacerà a tutti coloro che seguono la serie da tempo. Consiglio questo fumetto non solo a coloro che seguono Ray durante il suo viaggio di vendetta, ma anche a coloro che vogliono avvicinarsi ora al criminale di casa Bonelli che troveranno l'inizio della nuova saga proprio in questo numero (non mancate però di recuperare anche gli arretrati!) e che potranno quindi godersi appieno i prossimi dieci numeri della testata.
Voto: 8 1/2


Titolo: Cassidy n.10
Genere: fumetto italiano, poliziesco/azione
Storia: Pasquale Ruju
Disegni: Luigi Siniscalchi
Trama: insieme al suo vecchio amico "Lazaro" (chiamato così per la sua capacità di sopravvivere alle situazioni più disperate e appena fatto fuggire di galera dai nostri eroi) Ray e compagni si dirigono verso un'isola sulla costa orientale del Messico dove parrebbe che fosse nascosto un "tesoro" capace di far guadagnare loro milioni di dollari. Mentre il gruppo si avvicina all'isola "Lazaro" si lascia ai ricordi e comincia a raccontare al trio il motivo per il quale è finito in galera e per il quale non è riuscito a fuggire con il denaro anni or sono. Quale segreto nasconde l'ex sergente? E chi sono le persone che stanno inseguendo Ray e i suoi compagni? Le risposte in questo numero di "Cassidy"!
Commento: altra storia di alto livello per Cassidy; forse addirittura meglio di quella del mese scorso. La trama è ben costruita e il grande flashback che occupa gran parte del volume riesce a far luce su molti particolari rimasti fin'ora inspiegati. C'è da dire che la vicenda non termina in questo numero lasciandoci con un finale decisamente aperto e con un gran desiderio di sapere come va a finire l'avventura (anche grazie ad un ottimo colpo di scena). I disegni di Siniscalchi non riescono ad eguagliare (a mio parere) il character design del duo dello scorso mese, ma riescono a difendersi molto bene soprattutto nelle inquadrature e nella naturalezza con la quale si muovono i personaggi tra le pagine. Un numero consigliato a chi ha, quantomeno, letto lo scorso volume; mentre per tutti gli altri suggerisco di recuperare gli arretrati prima di addentrarsi a "saga" iniziata col rischio di rovinarsi un'ottima storia.
Voto: 8/9