giovedì 26 maggio 2011

Mad Love Chase 3 e Aflame Inferno 1

Con un grande colpo di scena ecco che questa sera riesco ad inserire un nuovo post contenente un paio di commenti a fumetti. Spero vi possano interessare. A presto! Bye!


Titolo: Mad Love Chase n.3
Genere: manga, comedy
Storia: Kazusa Takashima
Disegni: Kazusa Takashima
Trama: terzo episodio per le avventure del principe dei demoni fuggito dal suo matrimonio e celatosi ai suoi nemici nel nostro mondo. Finalmente è arrivata l'estate e anche per il nostro eroe è tempo, come per tutti gli studenti, di andare in campeggio. Cosa combinerà Yamato? Ce la farà a nascondere la propria identità? E riuscirà Taiki a smascherare il suo migliore amico oppure non ne avrà il coraggio? La risposta a queste domande in questo divertente numero che saprà farvi sorridere dalla prima pagina!
Commento: ho trovato questo manga davvero spensierato e divertente da leggere. La trama non è nulla di innovativo ed è solo un pretesto per creare delle situazioni divertenti che rilassino il lettore e, devo dire, ci riesce molto bene (alle volte sembra di assistere ad alcune scene di "Ranma"). I personaggi sono tutti molto simpatici e sono certo che chiunque saprà trovarne uno in particolare da affezionarsi, dopotutto ce ne sono di tutti i tipi. Il tratto dei disegni è molto leggero e ricorda quello di alcuni shojo (nonostante non lo sia per niente); sono inoltre presenti molte faccine stilizzate che sapranno fare la felicità degli amanti dei fumetti umoristici giapponesi. In definitiva un manga che diverte sin da subito grazie a scene romantiche/demenziali e ai disegni davvero curati; consigliato agli amanti dei manga in stile "Ranma" o "To love Ru" che sapranno certamente apprezzare lo stile umoristico dell'opera.
Voto: 9


Titolo: Aflame Inferno n.1
Genere: manga, action
Storia: Lim Dall-Young
Disegni: Kim Kwang-Hyun
Trama: immaginate di essere il ragazzo più popolare del vostro liceo: il massimo dei voti in tutte le materie, una carriera di modello e amato/venerato da qualsiasi ragazza posi il suo sguardo su di voi. Cosa fareste se improvvisamente un demone entrasse nella vostra vita e per salvarvi da morte certa fosse costretto a fondersi con voi? Questo è quello che capita al liceale Shichan quando nella sua vita entra uno dei quattro re dell'Ade: Inferno. Ecco che ha quindi inizio una storia piena d'azione condita con un pizzico di umorismo, che saprà soddisfare tutti gli amanti dei fumetti orientali.
Commento: al di là del fatto che il primo numero costerà sino al 18 giugno solamente un euro, devo dire che questo manhwa (fumetto coreano) è divertente ed interessante sin da subito. La trama è avvincente e, nonostante non brilli particolarmente per innovazione, riesce a convincere soprattutto grazie a personaggi non convenzionali (il protagonista su tutti) e a dialoghi interessanti e mai scontati. I disegni sono molto curati (personalmente mi ricordano parecchio quelli di "World Embryo") e riescono a regalare qualche tavola particolarmente curata rispetto alle altre, che risultano comunque di ottimo livello. In definitiva un manhwa brillante che, si spera, saprà migliorarsi ancora di più lungo tutti i dieci numeri che compongono questa serie; consigliato agli amanti delle storie d'azione e a coloro che cercano un'avventura fuori dagli schemi con personaggi carismatici e dai disegni sempre appropriati. Da evidenziare, per finire, che, trattandosi di un fumetto coreano, la lettura è alla occidentale e non al contrario come in tutti i manga.
Voto: 8+

Ultimate Comics: Avengers 7 e Ultimate Comics: Thor 2

Concludiamo con i commenti per oggi con due fumetti americani dedicati alla linea moderna "Ultimate". Spero che abbiate trovato qualcosa di interessante. A presto (anche a Milano se ci siete)! Bye!


Titolo: Ultimate Comics: Avengers n.7
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Mark Millar
Disegni: Steve Dillon
Trama: dopo lo scontro con il Teschio Rosso e la demoniaca battaglia contro Ghost ecco che ha inizio il terzo ciclo di "Ultimate Comics: Avengers"! In questa serie di tre albi assisteremo alla terribile battaglia che deve combattere tutti i giorni (e soprattutto le notti) il diurno Blade: una battaglia contro le terribili forze dei vampiri. Come se non bastasse ecco che in città arriva un nuovo Devil. Chi è il giovane eroe che indossa il costume rosso/giallo? Che legame ha con Matt Murdock? Scopritelo in questo albo di "Ultimate Comics: Avengers"!
Commento: ho trovato questo albo molto interessante ma davvero troppo breve. La trama è avvincente ma, vista la durata ridotta del fumetto, è difficile scoprire qualcosa sulla vicenda e, inoltre, gran parte dell'albo è dedicata all'introduzione di Blade e del nuovo Devil. I disegni sono molto curati ma devo dire che ho trovato i personaggi davvero monoespressivi e, talvolta, incapaci di trasmettere le emozioni provate durante una determinata sequenza (preferivo di gran lunga Yu). In definitiva mi sento di consigliare questo fumetto a chi cerca una storia d'azione con protagonisti Marvel che sappia stupire e sorprendere con colpi di scena davvero ben orchestrati e personaggi carismatici (la serie "Ultimate" è famosa per questo); se non vi sentite particolarmente attratti dai disegni vi suggerisco di recuperare i primi volumi della serie che, grazie ai disegni di Pacheco, sapranno certamente colpirvi di più.
Voto: 8


Titolo: Ultimate Comics: Thor n.2
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Jonathan Hickman
Disegni: Carlos Pacheco
Trama: secondo ed ultimo volume per le origini del tonante del mondo "Ultimate". Scopriremo quindi se Thorlief Golmen si tratta veramente di un Dio e che cosa ci fa sul nostro pianeta. Come se non bastasse ecco che assisteremo anche alla terribile battaglia che si dice sia avvenuta su Asgard per colpa del traditore Loki e scopriremo anche chi si nasconde sotto le vesti del dottor Donald Blake. Un numero carico di azione e di rivelazioni, imperdibile per qualsiasi fan del mondo Marvel!
Commento: ho trovato questo fumetto davvero avvincente da leggere e molto bello da vedere. La trama è davvero accattivante dalla prima all'ultima pagina e alcune scene proprio non ce le si aspetta; i personaggi sono tutti molto carismatici ma Thor riesce a ritagliarsi una parte tutta sua dimostrandosi, a mio parere, il personaggio migliore dopo Spidey di tutto l'universo "Ultimate". I disegni del bravissimo Pacheco contribuiscono a rendere questo fumetto uno dei migliori degli ultimi tempi per l'"Ultimate Universe" e, grazie a scene dinamiche e all'ottimo tratto che rappresenta gli abitanti di Asgard, riesce a convincere anche chi non si è mai avvicinato al mondo Marvel. In definitiva un albo che saprà accontentare sia gli amanti dei comics americani che coloro che non ne hanno mai letti, a patto però di aver letto la prima parte dell'opera.
Voto: 9 1/2

Spider-man: nuovi modi per morire (LM 3)

Passiamo quindi al numero di questa settimana de "le Leggende Marvel", dedicato al supereroe più famoso della Casa delle Idee: Spider-man!


Titolo: Spider-man: nuovi modi per morire (LM 3)
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Dan Slott
Disegni: John Romita Jr. e Chris Bachalo
Trama: in questo numero nuovi nemici e vecchi avversari rendono la vita di Peter "Spider-man" Parker un vero inferno. Il nostro eroe sarà costretto ad affrontare il suo peggior avversario (Norman "Goblin" Osborn) proprio quando egli è divenuto il personaggi più influente degli Stati Uniti. Come se non bastasse ecco che entra in scena (o meglio: torna in scena) Eddie Brock: vecchio possessore del costume alieno che lo ha reso Venom e ora guarito misteriosamente dal cancro (causatogli dal simbionte) e dotato di nuovi poteri. In fondo all'albo è inoltre possibile trovare un mini racconto dedicato al nuovo eroe Anti-venom disegnato da nientemeno che "Chris Bachalo"! Come si comporterà Spider-man di fronte a tutti questi ostacoli? Di chi potrà fidarsi? Basteranno le sue forze per sconfiggere Osborn e il suo gruppo di supercriminali chiamato "Tunderbolts"? Scopritelo in questo numero de "le Leggende Marvel"!
Commento: ho trovato questo volume de "le Leggende Marvel" davvero interessante e, anche se non ai livelli degli scorsi albi, ne consiglio la lettura a tutti. La trama è molto avvincente e vedere una persona come Osborn, che all'apparenza vuole apparire pacata mentre sotto sotto è totalmente folle, è davvero interessante; per non parlare del nuovo personaggio chiamato "Anti-venom" che, personalmente, ho trovato un po' tirato ma che certamente saprà appassionare molte persone. I personaggi sono, come da tradizione Marvel, curati psicologicamente sino allo stremo ed è impossibile non affezionarci ad essi sin da subito. I disegni di Romita, nonostante non sia un mega appassionato dell'autore, sono molto curati e, in alcune scene più che in altre, risultano perfetti per la storia raccontata; altro discorso per Bachalo che, a mio parere, rimane uno degli autori di punta della Marvel e che ci regala un episodio a fondo volume davvero bello da vedere in ogni sua tavola. In definitiva un volume avvincente che consiglio di leggere a tutti coloro che si vogliono avvinare al mondo dei fumetti americani; l'unico motivo per il quale non dovreste recuperare questo numero è quello di possedere già la versione distribuita negli albi quindicinali (a meno che non siate collezionisti come me che non vogliono avere buchi in collezione).
Voto: 9

Jack Frost 4 e Chevalier 8

Salve a tutti! Scusate per il mancato inserimento del disegno del "Punisher" ma ho dedicato gli ultimi giorni a creare il book scolastico per fine anno. Tra l'altro penso che nemmeno oggi riuscirò a terminarlo/inserirlo, a causa di una strisciata alla macchina che mi porterà a fare un magico viaggio verso l'officina di Montebelluna. Per ora vi lascio intanto ai commenti della giornata (due manga, il fumetto del lunedì e un paio di americani) ma spero di riuscire ad inserire presto nuove notizie/disegni/foto. Vi annuncio inoltre che sabato sarò al "Festival del Fumetto" di Milano, se siete in zona ci si può sempre bere un caffè insieme. A presto! Bye!


Titolo: Jack Frost n.4
Genere: manga, horror/azione
Storia: Ko Jin-ho
Disegni: Ko Jin-ho
Trama: in questo numero Helmina è costretta a battersi contro Jin, che sembra essere stata posseduta dal potente Zigfried. Dopo questa intensa battaglia Helmina decide di rivelare a tutti (alleati e non) la posizione di Lost Lake, luogo nel quale sono rinchiusi i più potenti demoni delle quattro aree, al fine di permettere uno scontro ad armi par la riunificazione di Amityville. Cosa accadrà ora ai nostri eroi? E quali incubi stanno ritornando dal passato di Hansen? Scopritelo leggendo questo quarto tankobon di "Jack Frost"!
Commento: ho trovato questo manga abbastanza divertente e con personaggi particolarmente caratterizzati. La trama è molto interessante ma, a mio parere, viene sfruttata poco per far spazio alle emozioni e al carisma dei suoi personaggi (cosa che funziona notevolmente bene); personaggi che, sempre secondo me, sono sempre molto interessanti e riescono a conquistare il lettore grazie al loro modo di essere e ai loro caratteri diversi l'uno dall'altro. I disegni sono molto curati ed alcune scene (quelle leggermente più horror) sono davvero spettacolari e caratterizzano maggiormente l'opera (basti guardare la copertina del primo volume). In definitiva un fumetto che consiglio agli amanti delle storie d'azione e che, oltre alla trama accattivante, ammirino anche il carisma dei personaggi; vi annuncio inoltre che per ora l'opera è composta da cinque volumi e non si hanno previsioni per l'uscita del sesto (speriamo comunque che esca).
Voto: 8+


Titolo: Chevalier n.8
Genere: manga, action/horror
Storia: Tou Ubukata
Disegni: Kiriko Yumeji
Trama: ultimo numero per le avventure di Lia de Beaumont! Scopriremo quindi che fine farà l'anima della povera Sofia, intrappolata dentro una spada di vetro. Ed assisteremo alla scontro definitivo tra le forze del male e quelle del bene. Riuscirà Lia a sconfiggere anche gli ultimi poeti? E basterà fermare gli omicidi in Francia per porre fine alla presenza dei malvagi adoratori del male? Le ultime rivelazioni in questo ultimo numero di "Chevalier"!
Commento: ho trovato questo manga molto bello da vedere ma abbastanza inconcludente. La trama, semplicemente, non finisce e lascia il lettore con l'amaro in bocca; l'amaro di aver letto una storia priva di una sua conclusione che, per quanto ne sappiamo, potrebbe non essere mai continuata. I protagonisti sono caratterizzati in modo abbastanza vago e non si approfondisce su nessun personaggio in particolare, limitando così il carisma della storia. I disegni sono certamente il punto più interessante dell'opera che, grazie a tratti oscuri e dark, risultano davvero curati e appassionanti dalla prima all'ultima tavola. In definitiva un fumetto che consiglio solamente agli amanti dello stile di disegno, per tutti coloro che cercassero una storia a tinte dark suggerisco di deviare su altri autori/autrici, Kaori Yuki su tutti.
Voto: 7+

domenica 22 maggio 2011

Soul Eater 13 e Hallelujah Overdrive! 2

Eccoci all'ultima ondata di commenti per oggi con un altro paio di manga. Sperando che tra i sei inseriti oggi siate riusciti a trovare un fumetto che vi possa appassionare, vi saluto e a risentirci stasera (o, nel caso non ce la facessi, domani) con il disegno del "Punisher". A presto! Bye!


Titolo: Soul Eater n.13
Genere: manga, action
Storia: Atsushi Ohkubo
Disegni: Atsushi Ohkubo
Trama: all'estero della base di Arachnophobia Black Star è pronto ad affrontare la battaglia definitiva contro Mifune. Ce la farà questa volta a sconfiggere il suo acerrimo nemico? Sarà servito il suo speciale allenamento? Mentre avviene questo scontro, all'interno del castello Ox deve riuscire a far tornare in se Kim prima di venire ucciso (alla ragazza è stato fatto infatti il lavaggio del cervello); anche Death the Kid ha i suo problemi nel combattere fianco a fianco col lupo mannaro Free contro il pericolosissimo Lord Mosquito. Come si svilupperanno le cose? Solamente leggendo "Soul Eater" potrete scoprirlo!
Commento: ho trovato questo numero di "Soul Eater" appassionante e capace di esaltarmi in particolari momenti. La trama ha portato quasi tutti i protagonisti a battersi in diversi scontri mortali e in questo numero possiamo trovare quasi solamente degli scontri che, comunque, lasciano spazio a dialoghi e colpi di scena; i personaggi sono sempre molto carismatici e sarà impossibile non trovare nessuno al quale appassionarsi, anzi, probabilmente li amerete tutti. I disegni sono abbastanza particolari e grotteschi ma riescono sin da subito a catturare il lettore per dinamismo e scene spettacolari. In definitiva consiglio questo manga agli amanti delle storie d'azione nelle quali non si trovano solamente serie di scontri, ma anche una storia accattivante ed innovativa e personaggi sempre molto carismatici; nel caso non vogliate spendere i soldi del fumetto sappiate che su "Rai 4" è possibile vedere l'anime di "Soul Eater" e che, nonostante non sia al livello del manga, è sicuramente una visione consigliata.
Voto: 9


Titolo: Hallelujah Overdrive! n.2
Genere: manga, comedy/musicale
Storia: Kotaro Takata
Disegni: Kotaro Takata
Trama: secondo volume per le avventure musicali di Kosame del gruppo "Metarika-chan". In questo numero fa la comparsa un nuovo personaggio che cambierà certamente le carte in tavola per i nostri protagonisti: si tratta di Urara Minakami ed è colei che ha intenzione di far chiudere il club di fisica e chimica dei metalli (ovvero la copertura del gruppo musicale). Ce la farà? Come faranno i nostri eroi a fermare questa ragazza tanto ostinata? Scopritelo in questo secondo avvincente numero di "Hallelujah Overdrive!".
Commento: devo dire che questo manga è capace di prendermi parecchio e di farsi leggere tutto d'un fiato. La trama è accattivante e soprattutto innovativa: non capita spesso, infatti, di trovare fumetti che trattino il tema della musica in modo così spigliato e umoristico, risultando divertente anche per qualcuno che non ha mai avuto interesse ad imparare a suonare uno strumento. I personaggi sono tutti molto carismatici e con la loro simpatia sapranno certamente fare la felicità di coloro che amano le commedie scolastiche con i loro stereotipi. I disegni sono molto belli e devo dire che il metodo che ha Takata di fare gli occhi dei personaggi è molto particolare e lo contraddistingue da qualsiasi altro mangaka. In definitiva si tratta di un manga particolare che consiglio non solo a chi ama la musica e i fumetti (che in quel caso è praticamente un obbligo averlo), ma anche a coloro che cercano storie con personaggi divertenti e situazioni romantiche/umoristiche in modo da passare una mezzora in tranquillità e spensieratezza senza pensare a null'altro (e non è cosa da poco).
Voto: 9

To love Ru 3 e Bakuman 7

Eccoci con la seconda ondata di commenti ai manga di oggi:


Titolo: To love Ru n.3
Genere: manga, azione/romantico/comico
Storia: Saki Hasemi
Disegni: Kentaro Yabuki
Trama: durante il campo estivo ecco che Rito ha finalmente l'occasione per dichiarare il proprio amore a Haruna. Ma ce la farà senza combinare qualche casino? E chi è il nuovo studente che sembra riscuotere parecchio successo tra le ragazze? Sembra che conosca Lala già da tempo, ma lei non ricorda di averlo mai visto. Nuove avventure romantiche, con un pizzico di pepe e adrenalina, per i protagonisti di questo manga disegnato da Kentaro "Black Cat" Yabuki. Da non perdere per i fan delle commedie scolastiche!
Commento: ho trovato questo numero davvero divertente e capace di farmi sorridere più volte grazie ai demenziali personaggi. La trama non si sviluppa per nulla e diciamo che è ci sono solamente vari pretesti che creano situazioni imbarazzanti, romantiche e divertenti con il compito di far divertire il lettore (a mio parere ci riesce anche bene); i personaggi sono abbastanza standard, ma nel loro essere classici per il genere è possibile trovare degli stereotipi nei quali autoinserirsi e godersi appieno il fumetto. I disegni sono, come sempre, molto curati per quanto riguarda i personaggi e leggermente sottotono per gli sfondi (talvolta del tutto assenti); un punto immaginario bonus per chi è capace di trovarmi la citazione alla precedente opera di Kentaro Yabuki in questo volume. In definitiva un fumetto capace di divertire qualsiasi lettore e che consiglio di leggere a coloro che cercano una storia leggera con personaggi divertenti, situazioni interessanti e che sappia divertire dalla prima all'ultima pagina mescolando diversi generi (dalla commedia alla fantascienza).
Voto: 8/9


Titolo: Bakuman n.7
Genere: manga, unico
Storia: Tsugumi Ohba
Disegni: Takeshi Obata
Trama: ce l'avranno fatta i nostri due mangaka a non venire cancellati da Jump dopo gli ultimi pessimi risultati che la loro serie ha avuto? Siccome si tratta della prima vignetta che lo dico subito: no. Dopo che "Trap: indagini con truffa" è stato eliminato toccherà ai due ragazzi inventarsi qualcosa per poter tornare alla ribalta sulla celebre rivista giapponese. Ma quale è la strada giusta da percorrere? Secondo il loro editor è quella del fumetto comico, mentre Mashiro crede che concentrarsi su una storia seria ed impegnativa darebbe migliori frutti. Scoprite anche voi, leggendo questo numero, chi dei due avrà ragione!
Commento: è sbalorditivo come "Bakuman" riesca a divertire ed appassionare moltissimo con la storia di tutti i giorni di una coppia di mangaka. La trama è sempre avvincente pagina dopo pagina, ma non grazie a scontri, combattimenti infiniti o indagini particolari, ma solo grazie a tempi di scadenza, problemi con i colleghi e tutte le complicazioni della vita del fumettista. È incredibile inoltre come i personaggi siano, dal primo all'ultimo, caratterizzati divinamente e come riescano a farsi amare da qualsiasi fetta di pubblico. I disegni sono inoltre al limite della perfezione, con ambienti e personaggi realizzati ottimamente in modo da lasciare al lettore la bocca aperta in più di un'occasione. Il mio consiglio è rivolto a tutti coloro che dicono di amare i manga: dovete avere questo fumetto perchè rappresenta un modo di vivere il fumetto, un modo al quale nessun altro aveva mai pensato prima d'ora. Vi piace leggere i manga? Scoprite cosa vuol dire realizzarne uno con "Bakuman"!
Voto: 10

Spray King 4 e Mar 4

Salve a tutti! Per prima cosa voglio comunicarvi che i commenti svaniti la scorsa settimana ora sono tornati nel blog e, di conseguenza, potete trovare le risposte proprio nel post dove avevate posto le vostre domande. Possiamo quindi passare ai post della giornata: oggi potrete trovare ben sei commenti ad altrettanti manga e, se riuscirò a completarlo entro sera, troverete anche il disegno del Punisher che sto preparando da un paio di giorni. Sperando possa interessare a qualcuno passiamo direttamente ai primi due fumetti giapponesi:


Titolo: Spray King n.4
Genere: manga, action
Storia: Shin Mikuni
Disegni: Shin Mikuni
Trama: ultimo volume per le avventure di Spray King! In questo numero assisteremo alla battaglia finale per le brame e le anime degli abitanti di Kotobuki-cho. Riuscirà Spray King a salvare tutti o soccomberà di fronte alla spaventosa potenza dei pochi membri dell'organizzazione rimasti? Scopriremo poi la verità su chi si nasconde sotto la maschera del writer? E cosa lega l'organizzazione a Spray King? Queste sono alcune delle domande che troveranno risposta in questo volume scritto e disegnato da Shin Mikuni, allievo dell'autore di "Rave".
Commento: ho trovato questo numero di "Spray King" divertente e, sicuramente, migliore dei primi. La trama, seppur abbastanza banale e priva di colpi di scena significativi, si fa leggere e riesce a rilassare e ad intrattenere sino all'ultima pagina mentre i personaggi risultano leggermente poco sviluppati e rimango in un limbo tale da non mancare per nulla al lettore una volta terminata la lettura. I disegni sono abbastanza classici per uno shonen e talvolta i personaggi mancano della giusta espressività, ma tutto sommato si fanno guardare senza mai deludere le aspettative per un fumetto del genere. Consiglio questo fumetto a coloro che apprezzano le storie d'azione con molti combattimenti e non hanno intenzione di gettarsi in opere ben più complesse e longeve; se siete lettori occasionali di manga potreste trovare questo fumetto abbastanza simpatico, ma ricordate: in circolazione si può trovare molto di meglio.
Voto: 7+


Titolo: Mar n.4
Genere: manga, action/fantasy
Storia: Nobuyuki Anzai
Disegni: Nobuyuki Anzai
Trama: proseguono le avventure di Ginta e dei suoi amici nel tentativo di bloccare l'organizzazione chiamata "Armata degli Scacchi" che sembra avere intenzione di dominare il mondo di Mar Heaven. In questo numero faremo la conoscenza di un nuovo personaggio che sarà di vitale importanza per il nostro gruppo (che di recente ha deciso di chiamarsi proprio "Mar"): questa persona altri non è che Nanashi, il capo della Gilda dei ladri di Rubelia. Basteranno le forze congiunte dei nostri eroi per sconfiggere i loro terribili avversari? Scopritelo in questo avventuroso numero di "Mar"!
Commento: trovo questo fumetto molto leggero e capace di rilassare la mente del lettore sin dalla prima pagina. La trama non è particolarmente innovativa e certamente saprà di già visto, ma i personaggi sono caratterizzati molto bene e riescono ad entrare nella pelle del lettore che da subito saprà individuare un suo personaggio preferito. I disegni sono particolarmente elementari ma è proprio questa la loro caratteristica: vedere personaggi molto caricaturali e "infantili" parlare di guerra e combattimenti con tanto carisma e voglia di vivere saprà certamente colpire chi ama le varianti alle solite storie d'azione/fantasy. Consiglio questo manga a coloro che amano le storie avventurose capaci di conquistare non grazie ad una grafica particolarmente esaltante,ma grazie a personaggi accattivanti e a dialoghi divertenti ed appassionanti.
Voto: 8

giovedì 19 maggio 2011

Nuovo inizio per l'Ultimateverse con cover di Kaare Andrews!

Tramite un comunicato stampa ufficiale la Marvel mostra ai propri fan di tutto il mondo le nuove cover dei quattro numeri uno che comporranno, a partire da agosto, le quattro nuove testate targate "Ultimate Comics". Le cover sono realizzate da Kaare Andrews e sono nell'ordine: "Ultimate Comics Ultimates" di Hickman e Ribic; "Ultimate Comics Hawkeye" (1 di 4) di Hickman e Sandoval; "Ultimate Comics X-Men" di Spanger e Medina e "Ultimate Comics Spider-man" di Bendis e Pichelli. Vi lascio quindi alle quattro copertine e a risentirci presto con nuovi commenti, news e disegni! Bye!





















Deadpool Corps: preludio

Chiudiamo questa giornata di commenti con l'ultimo volume di Deadpool uscito prima della sua, molto prossima, pubblicazione mensile. Spero che abbiate trovato qualcosa di interessante tra questi fumetti; a risentirci dopo con la news della giornata! Bye!


Titolo: Deadpool Corps: preludio
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Victor Gischler
Disegni: Rob Liefeld, Whilce Portacio, Philip Bond, Paco Medina e Kyle Baker
Trama: pensavate che un Deadpool fosse abbastanza per salvare il multiverso? Beh, vi sbagliavate di grosso! In questo quinto "100% Marvel" dedicato al più amato mercenario della Casa delle Idee vediamo il nostro eroe alle prese con il reclutamento di quelli che saranno i suoi compagni di viaggio durante la serie regolare in uscita a partire da giugno. Troveremo quindi: Lady Deadpool, molto femminile e psicopatica; Kid Deadpool, armato di spade laser; Dogpool, il cane mutante; Headpool, la testa zombie e, ovviamente, il nostro amato Deadpool. Un numero imperdibile per chi ama il Mercenario Chiacchierone, ma anche per gli altri!
Commento: nonostante si tratti solamente di un'anticipazione di ciò che veramente sarà la serie, ho trovato questo volume davvero divertente e capace di conquistare con i suoi demenziali protagonisti. La trama sembra non avere molta importanza in questo volume di Deadpool: lo scopo del nostro eroe è quello di reclutare le altre versioni di sé stesso e quindi scopriremo in che dimensioni vivevano prima di essere raggiunte dal mercenario; i personaggi sono tutti molto carismatici ma su tutti spiccano Headpool e Kid Deadpool, davvero sempre brillanti e demenziali. I disegni si alternano tra alti e bassi: ho trovato Liefeld, Portacio e Medina favolosi in questo volume, per quanto riguarda Bond e Baker avrei ancora qualche dubbio sulla pertinenza del loro tratto con l'opera. Consiglio questo fumetto a tutti coloro che amano il Mercenario Chiacchierone e a coloro che, interessati dalla demenza del personaggio, vogliono avvicinarsi ora a Deadpool prima dell'inizio della serie regolare. Un fumetto da avere in ogni caso!
Voto: 9+

Thor: il cerchio si chiude (LM 2)

Passiamo ai fumetti americani con il secondo numero dell'ottima collana settimanale "le Leggende Marvel":


Titolo: Thor: il cerchio si chiude (LM 2)
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: J. Michael Straczynski, Kieron Gillen e Stan Lee
Disegni: Marko Djurdjevic, Billy Tan e Jack Kirby
Trama: Thor è tornato sulla Terra dopo tre anni di assenza e trova le cose non proprio come le aveva lasciate, a partire dall'evento "Civil War" che ha scosso l'intero panorama dei supereroi Marvel. Come se non bastasse il prezioso martello Mjolnir si è rotto e non sembra sia facile ripararlo, cosa che rende complicati i rapporti tra il Tonante e il suo alter ego Donald Blake; come se ancora non fosse abbastanza Balder, il nuovo re di Asgard, ha deciso di trasferire la propria gente in Latveria, accettando l'aiuto di Destino. Come riuscirà Thor a risolvere tutti questi problemi? C'è da fidarsi di Destino? E che ruolo ha Loki in questa amara vicenda? Le risposte in questo secondo volume de "le Leggende Marvel" che saprà fare la gioia di tutti gli appassionati della Casa delle Idee. Da notare, inoltre, che a fondo volume sono anche raccolte quattro storie scritte da Stan Lee e disegnate da Jack Kirby, una vera chicca per i fan Marvel.
Commento: ho trovato questo secondo numero de "le Leggende Marvel" davvero interessante, con editoriali concisi e precisi, una storia interessante e un'ottima presentazione; ho persino apprezzato che regalino il poster di Thor disegnato da Djurdjevic. La trama è senza dubbio ben scritta e riesce a coinvolgere anche chi non avesse mai avuto a che fare con il Tonante; i personaggi si riescono ad inquadrare subito e la sensazione che si ha dopo le prime pagine è quella di leggere qualcosa che da sempre conosciamo, aumentando quindi il feeling con il volume. I disegni sono davvero favolosi e ci regalano alcune tavole da togliere veramente il fiato, senza contare che, a mio parere, Billy Tan è capace di dare una sua versione di Thor particolarmente brillante. Apprezzabili anche le storie di Lee e Kirby a fondo volume che, nonostante non siano le migliori scritte dagli autori, non fanno altro che impreziosire questo numero. In definitiva un acquisto obbligatorio per gli amanti dei fumetti americani, ma un acquisto consigliatissimo anche per chi non ha mai letto un fumetto Marvel in tutta la sua vita, dopotutto da qualche parte bisogna pur iniziare.
Voto: 10

Angel Sanctuary gold edition 19 e Onepiece new edition 39

Salve a tutti! Durante la giornata di oggi inserirò quattro commenti ad altrettanti fumetti (due manga e due americani) e una news dal mondo dei comics americani. Sperando che possa interessare a qualcuno e che blogger mi restituisca i commenti che ancora non sono tornati vi saluto! A presto. Bye!


Titolo: Angel Sanctuary gold edition n.19
Genere: manga, gotico/romantico
Storia: Kaori Yuki
Disegni: Kaori Yuki
Trama: nuove incredibili rivelazioni ci aspettano in questo penultimo volume di "Angel Sanctuary"! Riuscirà Setsuna a raggiungere l'Etenamenki (la torre dove dovrebbe trovarsi Dio) per porre fine ai malvagi piani di Rosiel? E cosa lega Lucifero a Rosiel? Riuscirà Sara a liberarsi della malvagia influenza di Sandalphon che vuole nascere a nuova vita tramite lei? Alcune tra queste risposte le potete trovare solamente in questo numero di "Angel Sanctuary"! Da non perdere!
Commento: ho trovato questo numero di "Angel Sanctuary" particolarmente brillante e interessante. La trama si sviluppa velocemente, ma senza esagerare, e il risultato è quello di leggere una storia che appassiona uniformemente pagina dopo pagina sino alla fine del volume; i personaggi sono sempre molto carismatici e nonostante la malinconia di fondo (sempre presente) riescono a farsi piacere anche a chi cerca protagonisti più allegri di questi. I disegni, rispetto ai primi volumi, sono notevolmente migliorati, non tanto nei tratti quanto nella leggibilità dell'opera in generale che ora non si dimostra per nulla caotica e di facile lettura per tutti. Consiglio questo manga a tutti coloro che cercano una storia d'amore non banale, leggermente perversa ma di indiscutibile fascino. Un fumetto che tutti gli amanti del manga dovrebbero leggere almeno una volta, senza alcun dubbio.
Voto: 9+


Titolo: Onepiece new edition n.39
Genere: manga, avventura
Storia: Eiichiro Oda
Disegni: Eiichiro Oda
Trama: continua il tentativo di Rufy e della sua ciurma di liberare Nico Robin dalle grinfie della CP9. Ma le cose non sono difficili come può sembrare, lo sono molto di più! Lo scopriranno a loro spese Sanji, Franky e Usop che dovranno attraversare i vari vagoni del treno marino dove tengono rinchiusa la loro amica e per farlo dovranno combattere contro alcuni pericolosi elementi. Un numero carico di azione che saprà certamente conquistarvi!
Commento: ormai ho deciso: questa è la mia saga preferita di Onepiece. La trama si sviluppa lentamente e lascia spazio in questo numero ai terribili scontri ai quali sono sottoposti determinati personaggi (particolarmente spettacolare quello di Sanji). I disegni sono molto curati e la quasi totale mancanza di scene demenziali rendono questo fumetto più serio e, a mio parere, più interessante da leggere. Sperando che il trend positivo cominciato con il numero 34 continui, non posso fare altro che consigliare questo manga a tutti coloro che amano le storie avventurose, le grandi battaglie e i personaggi carismatici capaci di colpire dritti al cuore il lettore; se non avete mai letto "Onepiece" vi suggerisco di recuperare i primi numeri (disponibili in fumetteria) per scoprire il fumetto manga più letto in tutto il Giappone.
Voto: 9

martedì 17 maggio 2011

Bleach 46 e Inuyasha new edition 18

Eccoci arrivati all'ultima coppia di commenti per oggi. Sperando che abbiate trovato interessante almeno un fumetto tra tutti quelli proposti, vi saluto e a risentirci domani con altri commenti (un altro paio di manga almeno), un paio di disegni fatti durante il mio "lavoro" come scrutatore nel week-end e qualche news dal mondo dei comics! A presto. Bye!


Titolo: Bleach n.46
Genere: manga, action
Storia: Tite Kubo
Disegni: Tite Kubo
Trama: la battaglia contro Aizen continua senza sosta e Ichigo verrà messo al corrente di un segreto che mai avrebbe potuto immaginare; un colpo di scena che cambierà tutto ciò che sappiamo sulle avventure passate dei nostri eroi e che muterà il loro futuro. Ma non troveremo solamente rivelazioni in questo numero, ecco infatti che scende in campo anche Gin e ci mostra la potenza del suo Bankai. Riusciranno Ichigo e i suoi compagni a sconfiggere Aizen e Gin?
Commento: finalmente un po' di trama anche in "Bleach"! Il ritmo in questo volume scende leggermente per lasciar spazio ad una rivelazione che cambierà il passato e il futuro dei nostri eroi; inoltre, nonostante ci sia leggermente meno azione che negli scorsi volumi, anche in questo numero è possibile trovare una caratterizzazione dei personaggi brillante e capace di coinvolgere, questo prova che per delineare il carattere dei personaggi bisogna anche farli interagire con le parole ogni tanto. I disegni sono come al solito molto dinamici e frenetici, ma rendono alla perfezione l'atmosfera del fumetto che, in questo numero come mai prima, è davvero tesa. Un volume che, finalmente, riesce a conquistare anche per i dialoghi e che, grazie ad un colpo di scena ben inserito, è capace di sorprendere non solo per la grandezza degli scontri. Consigliato agli amanti delle storie d'azione e a coloro che cercano personaggi carismatici dalle abilità sorprendenti e molto particolari (alcune sono davvero geniali).
Voto: 7 1/2


Titolo: Inuyasha new edition n.18
Genere: manga, azione/romantico
Storia: Rumiko Takahashi
Disegni: Rumiko Takahashi
Trama: in questo numero termina lo scontro tra Inuyasha, Koga, il terribile demone Juromaru e la piccola creatura chiamata Kageromaru. Chi ne uscirà vivo? Come se non bastasse continua la gelosia di Inuyasha e per la prima volta anche Kagome proverà tale sentimento nei confronti del mezzo demone. A fondo albo ha inizio una nuova saga che vede i nostri eroi difendere il fratello (creduto defunto) di Sango. Ma sarà veramente lui oppure è un tranello di Naraku?
Commento: come sempre "Inuyasha new edition" riesce a farsi leggere ma mai a stupire. La trama è di per sé abbastanza ripetitiva e, seppure non lo faccia mai pesare, non permette al lettore di esaltarsi in alcun momento, rendendo il racconto abbastanza piatto. I disegni della Takahashi sono, come al solito, adatti all'atmosfera azione/romantica ma anche in questo caso non abbiamo particolari tavole che esaltino determinate scene e il risultato è che ancora una volta la narrazione risulta piatta. In definitiva un manga che si fa leggere ma che funge più da tappabuchi tra un fumetto e l'altro; speriamo solamente che in futuro si stacchi leggermente dalla mediocrità e che riesca a diventare un ottimo fumetto (le potenzialità le ha tutte). Consigliato agli amanti delle storie romantiche e a coloro che cercano un manga leggero da assaporarsi tra due letture più impegnative.
Voto: 6 1/2

Rat-man 84 e John Doe 1

Tocca ora ad un paio di fumetti italiani:


Titolo: Rat-man n.84
Genere: fumetto italiano, umoristico/demenziale, supereroi
Storia: Leo Ortolani
Disegni: Leo Ortolani
Trama: continua l'avventura del Ratto, alla ricerca di un suo vecchio compagno d'armi che è stato ucciso. Ma dove potrà andare a cercarlo? Nella Gerusalemme di duemila anni fa ovviamente. Riuscirà il Ratto e il suo manipolo di eroici guerrieri a sconfiggere la Morte? E come si comporteranno trovandosi di fronte ad un famoso personaggio di quei tempi? Le risposte in questo numero di Rat-man!
Commento: nonostante questa saga non mi appassioni particolarmente (e non so perchè) ho trovato questo numero abbastanza divertente. La trama è demenziale come solo Leo Ortolani è capace di scriverne e, ovviamente, a mandare avanti tutta la baracca sono le battute e il carisma dei personaggi. I disegni hanno raggiunto un livello da non poter più essere definiti buoni o meno, fanno semplicemente parte di Rat-man e non possono essere giudicati dal punto di vista estetico; da apprezzare ci sono però le caricature (davvero ben realizzate) di tutti i personaggi dei film d'azione dei nostri tempi. In definitiva un numero capace di divertire, anche se non come altre storie precedenti, e di appassionare grazie a battute sempre più demenziali e a situazioni ancora più assurde. In ogni caso "Rat-man" è un fumetto da consigliare sempre e comunque a qualsiasi persona sia in grado di leggere. Punto.
Voto: 8 1/2


Titolo: John Doe
Genere: fumetto italiano, thriller/azione
Storia: Roberto Recchioni
Disegni: Riccardo Torti
Trama: chi è John Doe? Che lavoro fa? Perchè si atteggia a Dio? Che sia questa la sua vera identità? Queste sono solo alcune delle domande alle quali troverete risposta solamente leggendo questo fumetto. Scoprirete così di cosa si occupa il sedicente John, che rapporto ha con l'agenzia "Trapassati Inc.", perchè incontra eminenti personaggi in luoghi remoti dell'Universo e perchè questo fumetto piace a tutti coloro che lo leggono. Da non perdere!
Commento: davvero uno splendido fumetto, in tutto e per tutto. La trama è scritta in maniera impeccabile e i dialoghi sono talmente vivi e dinamici che sembra quasi di sentire parlare i personaggi; per non parlare dei personaggi che, a partire dal protagonista, dimostrano di avere ognuno un'anima e un proprio carattere ben definito dall'abile penna dello scrittore. I disegni sono molto curati e, nonostante qualche ombra sia leggermente esagerata, riescono a conquistare il lettore soprattutto grazie alla caratterizzazione fisica dei personaggi (anche in questo caso il protagonista è un chiaro esempio di ciò che dico). Un fumetto che mi sento di consigliare a tutti, non solo a chi ha seguito le prime tre stagione della serie (ebbene si, questo è il numero uno della quarta stagione) ma anche a coloro che, come me, non hanno mai letto un solo numero di "John Doe" sino ad oggi; questo numero è infatti consigliato come ottimo punto d'inizio anche per coloro che sono nuovi al genere e/o al personaggio. Cosa aspettate a correre in fumetteria e a recuperare questa perla del fumetto italiano? Non perdete altro tempo e, mi raccomando, una volta letto voglio che mi troviate tutte le citazioni da film/fumetti/vita moderna/autori presenti in questo volume e che me le postiate come commento al post. Io ne ho già quattro in mente!
Voto: 10

Spider-man 557 e Thor 146

Passiamo ora ad un paio di fumetti americani:


Titolo: Spider-man n.557
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Joe Kelly, Zeb Wells, J. M. Dematteis, Stan Lee, Kurt Busiek, Dan Slott, Marc Guggenheim e Kate Beaton
Disegni: Marco Checchetto, Michael Lark, Stefano Gaudiano, Emma Rios, Max Fiumara, Marcos Martin, Marko Djurdjevic, Ty Templeton, Damion Hendricks e Kate Beaton
Trama: un volume carico di storie per Spider-man! Sono ben otto in questo numero (due delle quali appartenenti alla stessa trama): la prima è il proseguo della trama principale, ovvero scopriremo se Spider-man è stato veramente ucciso dalla famiglia Kravinoff e se Kraven il Cacciatore è davvero tornato dal regno dei morti; la seconda e la terza vedono la conclusione del primo terribile scontro tra Kraven e Kane, il clone degenere del nostri amichevole Spider-man di quartiere; nella quarta avventura proseguono le imprese della coppia di ladri che viaggiano nel mondo dei fumetti e sembra proprio che siano riusciti a scoprire la vera identità del Tessiragnatele; il quinto episodio ha come protagonista J. J. J. e lo vede alle prese, tanto per cambiare, con il tentativo di screditare gli eroi in calzamaglia; la sesta avventura è una storia breve che vede Spidey confrontarsi con Griffin, supercriminale dalle fattezze di un grifone; la settima storia ci mostra come il nostro eroe vede gli altri eroi, quelli che compiono le grandi imprese e salvano pubblicamente il mondo, e scopriamo cosa prova ad averli come alleati; conclude il volume una mini avventura dedicata a Kraven e ad una sua particolare caccia.
Commento: un volume carico di storie che, tra alti (davvero alti) e bassi (ma non così bassi), risulta davvero interessante. La prima storia è certamente il top del volume e riesce a conquistare il lettore sia visivamente che dal punto di vista della trama, regalandoci inoltre un grande colpo di scena; la seconda/terza storia è anch'essa molto avvincente e grazie ai disegni molto dinamici il lettore non riuscirà a staccare gli occhi dalla pagina; l'episodio dei due ladri è si divertente, ma rimango dell'idea che due tavole a volume non riescano a rendere giustizia ai personaggi, rendendo il tutto abbastanza superfluo; l'avventura di J. J. J. è davvero bella da vedere e molto probabilmente avrà anche degli sviluppi futuri che influenzeranno il mondo di Spidey; la sesta storia (quella con Griffin) l'ho trovata abbastanza vuota e inserita giusto perchè si tratta di una tavola sola, spero di sbagliarmi; il penultimo episodio mi è parso ben scritto e certamente ben disegnato e a mio parere è, dopo la prima avventura, la cosa più bella di questo numero di Spider-man; per quanto riguarda le due tavole a fondo volume devo dire che le ho trovate davvero brutte da vedere ed è chiaro come il sole che l'autrice non può, per ora, occuparsi di fumetti di supereroi. Dopo le storie sarà inoltre possibile trovare l'editoriale "Front Line" con tutte le novità Marvel del mese. In definitiva un volume carico di storie che saprà accontentare tutti, sia che siate vecchi lettori (apprezzerete maggiormente in questo caso i capitoli dedicati a Kraven), sia che siate nuovi lettori (troverete infatti molte storie a sé stanti); ecco quindi un numero di Spider-man che ci permette di capire quanto può veramente valere questa testata.
Voto: 9 1/2


Titolo: Thor n.146
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Kieron Gillen, Brian Michael Bendis, Bryan J. L. Glass e Stan Lee
Disegni: Doug Braithwaite, Stuar Immonen, Tan Eng Huat e Jack Kirby
Trama: in questo numero dedicato al Tonante possiamo trovare ben cinque storie: la prima vede la conclusione della grande battaglia di Thor nel regno dei morti e il suo scontro decisivo contro le potenti Dìsir; nella seconda avventura troviamo i Nuovi Vendicatori alle prese con terribili avversari mistici che hanno intenzione di dominare la Terra, ovviamente i nostri eroi non lo possono permettere; il terzo episodio di questo albo è il secondo capitolo delle nuove origini di Thor e vede per la prima volta scendere in campo il malvagio Loki, il Dio dell'inganno; le ultime due storie a fondo volume sono episodi scritti da Stan Lee e disegnati da Jack Kirby e raccontano le prime avventure del Tonante, alle prese con mitici avversari e con gli inganni del malvagio fratello.
Commento: ottimo volume per Thor che, nonostante una storia meno interessante delle altre, riesce certamente a convincere. La prima storia è molto interessante dal punto di vista della trama (con possibili seguiti futuri visto il finale aperto) ed è certamente la più bella da vedere grazie ad un tratto leggero che valorizza le espressioni dei personaggi; la seconda avventura è molto veloce ed appassionante e riesce a conquistare il lettore grazie ai magnifici dialoghi di Bendis e ai dinamici disegni di Immonen, mai affiatati insieme come in questa serie; per quanto riguarda il secondo episodio delle nuove origini di Thor devo dire che sono rimasto abbastanza deluso sia dal punto di vista della trama (scontata e con dialoghi non particolarmente brillanti), sia dal punto di vista grafico (i personaggi sono, a mio parere, inguardabili); per quanto riguarda le due storie a fondo volume non si può dire altro che sono scritte e disegnate in pieno stile Marvel anni Settanta e che sono, quindi, imperdibili. In definitiva un volume di Thor che riesce a convincere e a colpire per quasi tutta la sua durata, un vero peccato per il terzo episodio dell'albo che risulta banale e, secondo me, mal disegnato. Consigliato agli amanti del Tonante e a coloro che seguono la serie già da tempo (o dallo scorso numero quantomeno); per coloro che volessero avvicinarsi ora a questa testata suggerisco di aspettare il prossimo mese per poter così iniziare la nuova storia dall'inizio, senza dover leggere l'episodio conclusivo presente in questo volume che potrebbe risultare ai neofiti davvero confuso.
Voto: 8/9

Psyren 8 e Bloody Monday 7

Salve a tutti! Mentre sono ancora in attesa che blogger mi restituisca i commenti che mi ha rubato venerdì scorso (ebbene si...sono spariti) ecco che vi sommergo con una nuova ondata di pareri sui fumetti (probabilmente otto). Per tutti coloro che avevano scritto qualche commento su questo blog e che non sono riusciti a leggere in tempo la risposta posso darvi due opzioni: o aspettate che li reinseriscano (dove troverete anche le risposte che già vi avevo dato) oppure li riscrivete e in serata vi garantisco che troverete le soluzioni ai vostri problemi. Non perdiamo altro tempo quindi e passiamo ai primi due manga:


Titolo: Psyren n.8
Genere: manga, azione
Storia: Toshiaki Iwashiro
Disegni: Toshiaki Iwashiro
Trama: Ageha e i suoi compagni sono stati attaccati dai Comandanti Stellari e le cose non sembrano andare bene per i nostri avventurieri; ma ecco che, proprio nel momento più critico, vengono salvati da alcuni misteriosi individui. Chi sono queste persone? E perchè li hanno salvati rischiando la loro vita? Le risposte in questo numero carico d'azione e di rivelazioni. Da non perdere!
Commento: ormai "Psyren" è una garanzia. La trama è accattivante come quella di pochi altri manga attualmente in circolazione e i personaggi sono talmente carismatici che sin da subito non potrete fare altro che innamorarvi di loro (e molto probabilmente di più di uno). I disegni sono sempre all'altezza della situazione e regalano inoltre qualche tavola particolarmente curata che, assieme alla trama ben scritta, carica il lettore con una forza che non molti manga riescono a trasmettere. In definitiva un volume obbligatorio per chi ama la serie e che conferma questa serie tra le migliori del momento; se siete tra i lettori che non si sono ancora avvicinati a "Psyren" il mio unico consiglio è: compratelo subito senza il minimo dubbio! Semplicemente da avere.
Voto: 10


Titolo: Bloody Monday n.7
Genere: manga, action/thriller
Storia: Ryou Ryumon
Disegni: Kouji Megumi
Trama: il terrorista J e il suo gruppo hanno diffuso il terribile virus "Bloody-X" all'interno della "THIRD-i" con lo scopo di recuperare il file de "il massacro di Natale" che vede in azione il terribile morbo e che li incriminerebbe. Fujimaru sta ora tentando di recuperare un antidoto per salvare le persone contagiate all'interno dello stabilimento e scopre che l'antivirus si trova proprio al piano interrato dello stesso. Riuscirà a salvare gli agenti bloccati nell'edificio? E di chi ci si può fidare per chiedere aiuto? Continuano le avventure del giovane e geniale hacker Falcon, alle prese con la terribile agenzia terroristica che sembra aver intenzione di compiere un nuovo terribile attentato ai danni dell'umanità intera.
Commento: numero dopo numero la trama si evolve e riesce a convincere soprattutto grazie a personaggi interessanti e ad una sceneggiatura davvero intrecciata e ben gestita. La trama è infatti molto curata e riesce a colpire il lettore gettandolo nel bel mezzo della mischia, tra colpi di scena e personaggi sempre carismatici. Anche i disegni sono molto curati e mescolano tratti maturi con alcuni più classici del genere shonen per ragazzi in modo da alleggerire la tensione che, altrimenti, sarebbe sempre alle stelle. Consiglio questo fumetto a coloro che cercano un manga dalla trama interessante e ben scritta, che sia capace di coinvolgere e che sia pure ben disegnato; un acquisto obbligatorio, in particolare, per gli amanti del ben più celebre "Death Note", fumetto dal quale questo manga prende i ritmi e la tipologia. Da leggere tutto d'un fiato!
Voto: 9 1/2

martedì 10 maggio 2011

Prossimamente su "Amazing Spider-man"!

Con l'avvento in America del “Free Comic Book Day” (evento al quale partecipano quasi tutte le case editrici con anticipazioni sulle storie future o con storie a sé stanti) la Marvel ha mostrato un one shot dedicato a Spider-man scritto da Dan Slott e disegnato da Humberto Ramos. Lo scrittore ha costruito una storia abbastanza semplice con uno scontro tra Spider-man e Spider-woman sotto il controllo del Mandrillo; la breve avventura non ha solo lo scopo di presentare Spidey ai nuovi lettori, ma anche di svelare qualche succosa anteprima a coloro che già lo seguono da tempo. Vi lascio quindi a due tavole in anteprima che vi regaleranno qualche colpo di scena (non sono da considerare come spoiler, immaginate che fungano semplicemente da trailer). A presto con nuove news! Bye!


Ghost Rider: vittime di guerra

Ultimo commento per la giornata di oggi: chiudiamo infatti con il terzo episodio dei "100% Marvel" dedicati a "Ghost Rider". A presto con nuove news, disegni e commenti. Bye!


Titolo: Ghost Rider: vittime di guerra
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Daniel Way
Disegni: Richard Corben, Mark Texeira e Javier Saltares
Trama: in questo volume troviamo due storie dedicate al motociclista infernale: la prima ci narra di come egli sia finito all'Inferno l'ultima volta (prima della grande fuga che ha dato il via alla saga principale) e di come i demoni e gli angeli si siano presi gioco di lui; la seconda (e principale) avventura vede Ghost Rider alle prese con una delle 666 incarnazioni di Lucifero, in particolare con quella che sembra aver preso possesso di un supercriminale deceduto noto come Jack Lanterna. Un volume carico d'azione e di suspance che saprà accontentare tutti i fan di questo oscuro personaggio della Casa delle Idee.
Commento: ho trovato questo volume inferiore agli scorsi ma comunque capace di appassionare sin da subito il lettore. La prima storia ha sicuramente una trama avvincente e dei dialoghi brillanti, purtroppo però non sono proprio riuscito a farmi piacere i disegni che ho trovato troppo caricaturiali e davvero incapaci di trasmettere azione e horror da una serie che necessita di queste due caratteristiche; discorso ben diverso per la seconda avventura che ho trovato appropriata sia dal punto di vista della grafica, davvero oscura e matura, che da quello narrativo (Jack Lanterna me lo ricordo ancora sui vecchi numeri dell'Uomo Ragno). In definitiva un volume che saprà certamente appassionare coloro che amano le avventure horror e coloro che cercano una trama matura con un protagonista carismatico che sappia divertire per tutta la durata dell'albo, a patto di saper passare sopra ai disegni della prima storia.
Voto: 8

Secret Invasion (LM 1)

Continuiamo con i commenti a fumetti americani grazie al primo numero della nuova collana in uscita tutti i lunedì con il "Corriere della Sera": "le Leggende Marvel"!


Titolo: Secret Invasion (LM 1)
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Brian Michael Bendis
Disegni: Leinil Yu
Trama: cosa accadrebbe se sapeste di non potervi fidare di nessuno? Questo è proprio quello che accade ai supereroi Marvel in questa epica avventura che li vede scontrarsi, dopo essersi combattuti tra di loro in una vera e propria guerra civile, contro gli alieni mutaforma Skrull. Essi sono venuti sulla Terra anni fa e si sono sostituiti ad alcune importanti figure mondiali, compresi i supereroi, e attualmente è impossibile individuare chi faccia parte di questa terribile razza. Chi sono gli alleati? Chi sono i nemici? Di chi ti fidi? Scopritelo su "Secret Invasion"!
Commento: primo epico numero per la nuova collana settimanale dedicata ai supereroi Marvel! Ho trovato la storia decisamente avvincente e capace di stupire pagina dopo pagina con rivelazioni ma anche con ulteriori misteri; la sensazione di non potersi fidare di nessuno viene trasmessa perfettamente anche al lettore che il più delle volte si ritrova a non sapere di chi fidarsi. I disegni dinamici di Yu contribuiscono ad aumentare il prestigio di quest'opera e da soli valgono l'acquisto del volume (di oltre 270 pagine). Come se non bastasse l'ottima avventura di questo volume ecco che troviamo al suo interno degli editoriali che ci illuminano sui vari personaggi, sugli autori e sulle origini della Marvel; troviamo inoltre la sceneggiatura ufficiale del primo capitolo di "Secret Invasion", una serie di sketch book e le copertine delle versioni americane. Insomma: un volume da non perdere, sia che siate fan della Marvel da tempo, sia che vogliate avvicinarvi solamente ora a questo favoloso mondo!
Voto: 10

Iron man 37 e Capitan America 11

Salve a tutti! Vi annuncio che in questa calda giornata inserirò quattro commenti ad altrettanti fumetti americani (ormai mi prendono sempre di più) e una news sempre riguardante i comics della Casa delle Idee. Sperando che possano interessare a qualcuno vi saluto e a risentirci presto! Bye!


Titolo: Iron man n.37
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Matt Fraction, Brian Michael Bendis, Christos Gage e Kelly Sue Deconnick
Disegni: Salvador Larroca, John Romita Jr., Mike McKone e Andrea Mutti
Trama: in questo numero di Iron man possiamo trovare quattro emozionanti episodi: il primo vede Tony Stark cercare di creare una nuova compagnia dal nulla (la Stark Resilient) con lo scopo di fornire energia a repulsori al mondo; la seconda avventura ha come protagonisti i Vendicatori che, mentre cercano di viaggiare nel tempo per impedire ai loro futuri figli di distruggere l'universo, si trovano a combattere contro Apocalisse e i suoi quattro Cavalieri; nella terza storia proseguono le avventure di coloro che dovranno in futuro sostituire i Vendicatori, alle prese con un duro allenamento all'Accademia per giovani eroi; conclude l'albo la prima parte di un racconto dedicato alla nuova eroina in armatura: Pepper "Rescue" Potts.
Commento: ennesimo ottimo numero per il Vendicatore in armatura. La prima storia è evidentemente un episodio di passaggio (nel prossimo volume ne vedremo delle belle) ma la cura nei dialoghi e i disegni davvero particolareggiati la rendono avvincente e capace di incollare il lettore al fumetto; l'avventura dedicata ai Vendicatori continua ad infittirsi di misteri e di viaggi nel tempo, ma senza perdere mai la bussola e risultando sempre ordinata e fluida da leggere; l'episodio dei futuri eroi l'ho trovato particolarmente avvincente soprattutto grazie al grande carisma che ognuno dei giovani cadetti dimostra sin da subito e ai disegni sempre molto curati; per quanto riguarda il racconto di Rescue c'è da dire che si tratta sicuramente di un personaggio avvincente ma si tratta di così poche pagine che non si riesce ad apprezzare appieno le sfaccettature psicologiche del personaggio e l'episodio sembra messo in questo volume solamente come tappabuco per raggiungere le tot pagine mensili (speriamo che dalla prossima volta venga dedicato a Pepper più spazio). In definitiva un numero molto carismatico con racconti tutti separati tra di loro ma capaci di conquistare ognuno una rispettiva parte di pubblico. Consigliato agli amanti del mondo Marvel e a coloro che vogliono seguire le avventure fantascientifiche di uno dei Vendicatori più amati di sempre: Iron man!
Voto: 9


Titolo: Capitan America n.11
Genere: fumetto americano Marvel, supereroi
Storia: Ed Brubaker e Karl Kesel
Disegni: Butch Guice, Mike Deodato, Dale Eaglesham e Karl Kesel
Trama: come nel volume di "Iron man" di questo mese, anche in "Capitan America" troviamo quattro avventure: la prima è dedicata al nuovo Cap (Bucky) e lo vede alle prese con uno dei sui peggiori nemici che ha intenzione di screditarlo agli occhi del popolo, questi altri non è che Zemo (il secondo della dinastia); la seconda storia vede Steve Rogers e i Vendicatori Segreti combattere contro il loro compagno Nova, corrotto da quello che sembra essere un pericoloso artefatto: la Corona dei Serpenti; nel terzo episodio troviamo Steve Rogers nei panni del Super Soldato che, dopo un attacco da parte del suo nemico Machinesmith, si ritrova privato dei poteri donatigli dal siero che lo rese Capitan America; concludono l'albo le, finte, strisce degli anni Quaranta che vedono Cap e Bucky alle prese con la scomparsa di un importante professore e tutti gli indizi sembrano portare verso il criminale nazista noto come "Teschio Rosso".
Commento: un volume davvero interessante questo di "Capitan America". La prima avventura è davvero ben scritta e riesce ad appassionare puntando sul carattere del nuovo Cap e sulla trama dai ritmi sempre serrati; per quanto riguarda l'avventura dei Vendicatori Segreti c'è da dire che è illustrata magistralmente da Deodato ma che a livello di trama non riesce particolarmente a stupire, nonostante risulti comunque divertente da leggere; la terza storia è, a mio parere, la migliore di tutto il volume e, grazie ai dialoghi particolarmente brillanti e ai disegni curati nei minimi dettagli, riesce ad appassionare sin da subito e a non farci staccare le mani dal fumetto (senza contare che ci regala pure qualche bella soddisfazione); per quanto riguarda le strisce a fondo volume non posso fare a meno di dire che non le trovo per nulla avvincenti e abbassano leggermente la qualità media del volume (speriamo che in futuro le migliorino o le sostituiscano con qualche avventura più interessante). In definitiva un volume che consiglio agli amanti del mondo Marvel ed in particolare del Vendicatore a stelle e strisce; se siete nuovi lettori di fumetti americani e volete iniziare ora a leggere "Capitan America" vi suggerisco di recuperare il numero nove di questa testata in modo da poter leggere le storie partendo dal loro inizio, oppure potete andare nella vostra edicola di fiducia per recuperare il primo numero della nuova collana di fumetti legata al "Corriere della Sera" (intitolata "le Leggende Marvel").
Voto: 9

lunedì 9 maggio 2011

È morto Carlos Trillo!

Ed eccoci purtroppo alla brutta notizia della giornata: a causa di un malore improvviso si è spento ieri a Londra lo sceneggiatore Carlos Trillo. Trillo è molto popolare nel nostro Paese per innumerevoli successi editoriali dovuti alle sue creazioni artistiche e per i suoi mai banali personaggi (tra i più importanti ricordiamo "Alvar Mayor", "Cybersix" e "Loco Chavez"). Ricordiamo inoltre che ha collaborato (alcune sue opere sono ancora in pubblicazione) con "Lanciostory", "Skorpio" e "iComics". Inutile dire che abbiamo perso un grande elemento appartenente al mondo del fumetto e non possiamo che dispiacerci di ciò.


Dampyr 133 e Dampyr 134

Concludiamo questa giornata di commenti con un paio di fumetti italiani. Sperando possa interessare a qualcuno vi saluto a risentirci presto con nuove news, commenti e disegni. Bye!


Titolo: Dampyr n.133
Genere: fumetto italiano, horror/azione
Storia: Mauro Boselli
Disegni: Stefano Andreucci
Trama: ecco il primo numero della più lunga avventura mai narrata di Dampyr (ben quattro volumi). Quando Jack Tarrant (aspirante vampirologo di Londra) trova vicino al Tamigi un rifugio di Lord Marsden, Harlan Draka decide di assaltare la tana del nemico una volta per tutte. Peccato che lo scontro sia da rimandare ad un altro momento e ad un altro tempo: in un passato che permette al nostro Dampyr di fare la conoscenza di Bram Stoker (scrittore di Dracula) e del viaggiatore Arminius Vambèry. Ecco il primo numero della più importante saga di Dampyr. Da non perdere!
Commento: nonostante si tratti di una trama che si svilupperà col passare degli episodi, ho trovato questo primo capitolo molto appassionante e ben scritto. La trama è davvero affascinante e l'idea di inserire moltissimi dei personaggi più importanti per la serie è certamente una mossa vincente. Ci si rende subito conto, inoltre, che ci si trova davanti a qualcosa di più che un numero standard per la serie, e già nelle prime tredici pagine ha luogo un evento che modificherà il corso degli eventi. I disegni del bravissimo Andreucci aiutano a creare un'atmosfera onirica e cupa, ma senza sacrificare la chiarezza di ogni singola tavola. Un numero che mi sento di consigliare solamente ai fan della serie che potranno così apprezzare un'avventura davvero ben gestita, con personaggi carismatici e disegni meticolosi; per chi volesse avvicinarsi ora a "Dampyr" suggerisco di recuperare i primi numeri o, quantomeno, alcuni numeri precedenti a questo dato che è impossibile apprezzare questo volume se non si conoscono per filo e per segno le precedenti avventure del cacciatore di vampiri.
Voto: 9+


Titolo: Dampyr n.134
Genere: fumetto italiano, horror/azione
Storia: Mauro Boselli
Disegni: Stefano Andreucci
Trama: il Drummond School è un istituto di nobile e antica tradizione, ma quando verrà attaccato dalle forze oscure e alcuni tra gli amici di Harlan Draka verranno rapiti toccherà al Dampyr gettarsi in un viaggio nel tempo e nello spazio per salvarli. Ecco il secondo volume della quadrilogia dedicata a Bram Stoker e alla battaglia definitiva (a quanto pare) con Lord Marsden. Da non perdere!
Commento: ho trovato anche questa seconda parte dell'avventura ambientata a Londra davvero accattivante e capace di conquistare dalla prima all'ultima pagina. La trama è certamente interessante ed è capace, grazie a tempi ben calcolati e a personaggi carismatici (persino le comparse), di catturare il lettore e trascinarlo all'interno del fumetto sin da subito. I disegni del bravissimo Andreucci contribuiscono a creare la giusta atmosfera in ogni tavola e a regalarci una visione della Londra del 1890 davvero esemplare. L'unica, se così si può chiamare, pecca rispetto allo scorso volume è la mancanza di un grande evento che spiazzi il lettore (cosa che la morte di un personaggio importante nello scorso volume fa appieno e che regala un "+" al precedente episodio). In definitiva un ottimo secondo episodio che ci invoglia a continuare la lettura e ci spinge con forza a cercare il seguito nelle edicole il prossimo mese. Come per lo scorso numero consiglio la lettura di questo volume solamente a coloro che seguono già da tempo le avventure di "Dampyr"; per tutti gli altri vale la solita regola di recuperare gli arretrati per apprezzare appieno la storia che, senza delle basi, risulterebbe caotica.
Voto: 9

Zombie Powder 2 e Letter Bee 8

Continuiamo quindi con un paio di manga:


Titolo: Zombie Powder n.2
Genere: manga, azione
Storia: Tite Kubo
Disegni: Tite Kubo
Trama: continuano le avventure di Gamma Akutabi, alla ricerca dei dodici anelli dei morti. In questo numero faremo la conoscenza di Wolfina, una giovane giornalista che combatte il male a suon di scoop che mettono in cattiva luce le bande di criminali, e di Balmunk, un folle mago alla ricerca dei dodici anelli che permettono di ottenere la Zombie Powder. Riusciranno i nostri eroi a sopravvivere ai terribili assalti del folle illusionista? E quale mistero nasconde l'ospedale di Alcantara? Le risposte in questo secondo volume scritto e disegnato dall'autore di Bleach!
Commento: rimango dell'idea che è davvero un peccato che quest'opera di Tite Kubo non sia mai stata terminata. La trama è avvincente al punto giusto e i personaggi sono abbastanza carismatici da mantenere alta l'attenzione del lettore dalla prima all'ultima pagina. Unica vera pecca di questa serie (oltre al fatto di essere interrotta) sono i disegni che, seppur godibili, talvolta mancano completamente di sfondi e in questo numero anche un lettore occasionale tende ad accorgersene. Come al solito consiglio questo fumetto solamente a coloro che, appassionati dallo stile unico dell'autore di Bleach, sono disposti a spendere 15.6 euro (il prezzo dei quattro volumi) per avere una storia avvincente ma incompleta e talvolta poco curata nel tratto (dopotutto si tratta della prima opera dell'autore). Speriamo solamente che in futuro questa serie venga ripresa in mano e conclusa, anche se le possibilità sono molto ridotte.
Voto: 7


Titolo: Letter Bee n.8
Genere: manga, dark fantasy
Storia: Hiroyuki Asada
Disegni: Hiroyuki Asada
Trama: perchè Goos sembra aver perso la memoria e sembra ora stare dalla parte dei cattivi? Toccherà al giovane Lag scrivere un proiettile lettera in modo da spararlo dritto nel cuore del suo amico per cercare di farlo tornare in sé. Continua la commovente ed avvincente storia del giovane letter bee (colui che fa da postino di lettere ed emozioni) Lag alle prese con la misteriosa organizzazione chiamata Reverse, che pare abbia come obiettivo quello di rovesciare il governo di Amberground. Quali misteri nasconde quest'organizzazione? Chi ne fa parte? Scopritelo leggendo questa fiaba nera ambientata in un mondo post apocalittico dai tratti oscuri.
Commento: nonostante sia passato più di un anno dallo scorso numero questo manga riesce ancora ad appassionarmi. La trama è certamente emozionante e, nonostante la drammaticità di fondo, riesce più di una volta a strapparmi qualche sorriso e ad emozionarmi grazie a personaggi non banali e capaci di conquistare, con la loro naturalezza, i cuori dei lettori. I disegni carichi di neri contribuiscono inoltre a creare questo racconto dalle tinte dark che saprà di certo appassionare coloro che amano le storie drammatiche ma ricche di speranza e buoni sentimenti. In definitiva un manga che mi sento di consigliare a tutti coloro che cercano una storia matura e per nulla banale e/o scontata; il mio suggerimento è quello di recuperare il primo numero di questa serie (facilmente reperibile grazie al servizio arretrati) per dare una possibilità a questo particolare manga che certamente saprà stupirvi.
Voto: 8 1/2

Variant cover per Ultimate Comics: Thor 1!

Come ci ha abituato ultimamente la Marvel potrete trovare in fumetteria una versione variant metallizzata, dedicata al cattivo di turno, per il primo numero di questa nuova testata supereroistica (Ultimate Comics). La scelta è ricaduta ovviamente sul personaggio di Loki e devo dire che, a mio parere, si tratta della variant più bella tra quelle proposte per la linea Ultimate. Vi lascio ovviamente all'immagine e auguro una buona ricerca a coloro che avessero intenzione di recuperarla! Bye!


Ultimate Comics: Thor 1 e God of War 3

Salve a tutti! Eccoci qui questa sera con un tris di commenti ad altrettante coppie di fumetti (una coppia per genere) e con due news, una delle quali non troppo felice. Partiamo quindi con un paio di fumetti americani:


Titolo: Ultimate Comics: Thor n.1
Genere: fumetto americano marvel, supereroi
Storia: Jonathan Hickman
Disegni: Carlos Pacheco
Trama: chi è Thor? È davvero il Dio nordico che egli dice di essere oppure è solamente un folle senza identità? In questo numero scopriremo le vere origini della versione Ultimate di questo celeberrimo personaggio e vedremo anche entrare in scena molti personaggi legati a questo misterioso individuo (tra i quali spicca un certo dottor Blake e un certo Loki). Per scoprire tutta la verità su colui che si fa chiamare Thor non perdete questo primo numero!
Commento: ho trovato questo fumetto brillantemente sceneggiato e magistralmente disegnato. La trama è accattivante e riesce sia nell'intento di attirare nuovi lettori che in quello di affascinare chi se ne intende del magico universo Marvel (sia Ultimate che standard); i personaggi sono tutti molto carismatici e devo dire che ci sono un paio di colpi di scena ben orchestrati che difficilmente riuscirete a prevedere. I disegni del bravissimo Pacheco contribuiscono ad aumentare il prestigio di questo primo volume grazie alla sua grande abilità di spaziare da scene ambientate nel passato ad altre nel presente passando per quelle in altre dimensioni, il tutto con grande naturalezza e donando un ottima espressività ai personaggi. In definitiva un volume che saprà conquistare sia i neofiti del personaggio (probabilmente attratti dal film appena uscito) e sia coloro che sono grandi fan della Marvel da anni. Da avere per qualsiasi amante delle store d'azione!
Voto: 9+


Titolo: God of War n.3
Genere: fumetto americano, azione/fantasy
Storia: Marv Wolfman
Disegni: Andrea Sorrentino
Trama: si conclude in questo albo l'avventura di Kratos dedicata alla ricerca dell'ambrosia di Esculapio! In un turbinio di ricordi mescolati con un cupo presente scopriremo se l'ultimo tentativo di Kratos di recuperare l'ambrosia è andato a buon fine e vedremo se riuscirà a portarla in tempo alla figlia in modo da salvarla da una morte certa. Scopriremo inoltre cosa ha spinto il Dio della guerra a ripercorrere lo stesso percorso di anni prima per ottenere nuovamente l'ambrosia. Un volume carico d'azione che conclude la prima avventura cartacea dedicata ad uno dei personaggi più carismatici del mondo dei videogiochi.
Commento: ho trovato questo volume conclusivo ben scritto e capace di appassionare non solo gli appassionati del videogame, ma anche coloro che amano le storie d'azione fantasy. La trama è accattivante e suscita nel lettore una voglia di continuare per assistere alla conclusione della vicenda che pochi altri fumetti tratti da videogiochi riescono a dare. I disegni del bravissimo Andrea Sorrentino (trovate il link tra i contatti a destra) rendono quest'albo acquistabile anche solo per guardarlo ed ammirare il suo splendido lavoro (si tratta quasi tutto di disegni realizzati in digitale). Un volume che saprà soddisfare non solo gli amanti del videogioco, che troveranno almeno un paio di riferimenti abbastanza importanti, ma anche coloro che, affascinati dai disegni o dalla trama ricca d'azione, prendono per la prima volta in mano un'avventura con protagonista il celebre Dio della guerra.
Voto: 9

giovedì 5 maggio 2011

Character design n.2: Porseo

Questo ultimo post della giornata lo dedico per "dare vita" ad un nuovo personaggio; infatti come per "Gerard" nel lontano giugno 2010 ecco che finalmente anche "Porseo" avrà un proprio carattere e un background. Vi saluto quindi e a risentirci presto con news, commenti e altri disegni! Bye!


Nome: Porseo (in latino "Porseus")
Età: ? (non lo sa neanche lui)
Occhi: gialli
Capelli: non ne ha
Occupazione: vaga triste per il mondo cercando il modo per togliersi le scarpe, ma sarebbe cuoco
Parenti e/o amici: Porseo è il fratello sconosciuto del celebre guerriero greco Perseo. Tra i due c'è sempre stata rivalità, ma in qualsiasi sfida essi si battessero il vincitore era sempre Porseo. Una volta, giocando a braccio di ferro, Porseo segò via il braccio al fratello che da quel giorno non lo guardo più con gli stessi occhi. Suo padre altri non è che il possente Zeus, ma tra i due non scorse mai buon sangue. Zeus ha infatti sempre dubitato sul fatto di essere il padre naturale di Porseo, soprattutto da quando ascoltò una telefonata al limite dell'erotico tra la madre del "bambino" Danae e un misterioso individuo chiamato "R2D2". Porseo non ebbe mai l'occasione per stringere un legame con il padre perchè Zeus, quando finalmente trovò il coraggio per invitarlo per il fine settimana per scolarsi un po' di birra e parlare di donne, venne ucciso da un misterioso individuo chiamato Kratos.
Eventi importanti nella sua vita: l'evento che cambiò per sempre la sua vita fu un regalo di compleanno fatto dal subdolo fratello. All'età di 10 anni Perseo gli regalò un paio di magiche scarpe che, disse, erano state create direttamente da Ermes. Quelle scarpe erano chiamate "Bullboys". Da quando le mise quel giorno egli non fu più capace di toglierle (anche perchè Porseo non ha le mani) e con l'avanzare dell'età gli cominciarono a far male i piedi. Al giorno d'oggi non è ancora riuscito a toglierle e il dolore è talmente grande che ad ogni passo, il buon Porseo, bestemmia. Le tribù che incrociarono il suo cammino lo presero per una divinità e, dopo avergli chiesto il nome, tramandarono le sue gesta sino ad oggi; sono certo infatti che tutti abbiate sentito almeno una volta qualche storia sul "Dio Porseo".
Stato Attuale: al giorno d'oggi continua a vagare per il mondo alla ricerca di qualcuno che gli tolga le scarpe, ma a causa del suo aspetto spaventoso (e dei gatling e della motosega) quando lo vedono scappano tutti urlando "Dio Porseo, Dio Porseo". Se lo incontrate siate così cortesi di toglierli quelle maledette scarpe; e non vi spaventate se di notte vedete due luci rosse che si muovono nel buio: sono i neon delle "Bullboys".